hamburger menu

La libreria ‘Le Torri’ trova i 22.000 euro per il debito, ma resta il problema del contratto

Per sensibilizzare tutti ad una soluzione, ha visitato la libreria di Tor Bella Monaca, l'unica del quartiere, il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri

ROMA – La libreria Le Torri è (quasi) salva. Il debito di 22.000 euro potrebbe essere saldato a breve grazie ad un crowfounding che ha permesso di raggiungere l’importo dovuto. Ma ora si apre una nuova partita: quella per il nuovo contratto che la proprietà ancora non ha concesso. Per questo, nel pomeriggio di oggi, per sensibilizzare tutti ad una soluzione, hanno visitato la libreria di Tor Bella Monaca, l’unica del quartiere, il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, l’assessore al Patrimonio, Tobia Zevi e l’assessore al Decentramento, Andrea Catarci.

“Siamo qui- ha spiegato Gualtieri- perchè questo luogo è fondamentale per rendere la città più ricca e più solidale. Quindi come amministrazione gli siamo vicini. Esprimiamo amicizia, solidarietà e sostegno a questa libreria e ad altri luoghi che come questo svolgono una funzione preziosa. Seguiremo quello che succede nel dialogo tra Laterza e la proprietà che è comunque privata e quindi da parte nostra c’è un dovere di cautela. Seguiremo con partecipazione questa discussione e se necessario capiremo in quali forme Roma Capitale potrà aiutare questo esercizio come questo come altri come questo”.

“Auspichiamo una soluzione in loco, dove oggi si trova la libreria- ha aggiunto Catarci- Altrimenti faremo uno sforzo per un altro luogo. Si dovrà trovare un altro spazio per questa libreria, il quartiere non può perdere il luogo così”.

“L’affetto delle persone ci ha aiutato a portare avanti questo progetto- ha spiegato la proprietaria, Alessandra Laterza- ora la nuova difficoltà è trovare un nuovo contratto di affitto. Ora il sindaco ci esprime solidarietà e questo ci aiuta molto“.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-04T11:48:19+02:00