hamburger menu

Treno ad alta velocità deraglia nella galleria Serenissima a Roma

L'incidente a un treno della linea Torino-Napoli è avvenuto nei pressi della stazione Prenestina. Non risultano feriti, sul posto Vigli del Fuoco e ambulanza

treno_deragliato_roma_prenestina_serenissima_3

ROMA – Un treno ad alta velocità Frecciarossa della linea Torino-Napoli è parzialmente deragliato all’interno della galleria Serenissima, nei pressi della stazione Prenestina, a Roma. I 250 passeggeri presenti sul mezzo sono stati evacuati non risultano feriti. Alla stazione Prenestina sono arrivati ben otto mezzi dei Vigili del Fuoco e ambulanze. Le prime squadre si sono subito messe al lavoro all’interno della galleria.

Ad essere uscito dai binari è stato solo l’ultimo vagone. Molti passeggeri a bordo sono riusciti ad uscire dalle carrozze mentre gli altri sono stati aiutati dai Vigili del Fuoco.

SUL LUOGO ANCHE LA POLIZIA SCIENTIFICA

Alla stazione Serenissima di Roma, precedente a quella in cui è deragliato un vagone del
treno Alta velocità della linea Torino-Napoli, sono arrivati gli agenti della Polizia scientifica incaricati di ricostruire la dinamica di quanto successo. Sul luogo, così come alla fermata Togliatti, sono presenti diverse ambulanze e mezzi dei vigili del fuoco.

VIGILI DEL FUOCO: “LOCOMOTORE DI CODA HA URTATO INGRESSO GALLERIA”

“Il treno è entrato in galleria senza problemi. Poi, per motivi che andranno accertati, c’è stato probabilmente un ondeggiamento anomalo e il locomotore di coda è andato a sbattere contro l’ingresso della galleria della Serenissima”. È quanto ha riferito ai cronisti l’ispettore antincendio dei Vigili del fuoco, Pasquale Labate, sul posto dell’incidente in cui è rimasto coinvolto il Frecciarossa Torino-Napoli. I passeggeri, ha fatto sapere Labate, sono stati messi in sicurezza, mentre sulla linea ferroviaria ancora bloccata ci sono diversi detriti provocati dall’urto del treno con la galleria.

RITARDI FINO A 90 MINUTI

“La circolazione sulla Roma-Napoli AV resta sospesa dopo che, intorno alle 14, il treno AV Torino-Napoli si è arrestato in galleria per lo svio della locomotiva di coda, rimasta in posizione verticale. I viaggiatori sono stati aiutati a scendere e, con l’ausilio dei Vigili del Fuoco e del personale di protezione aziendale delle Ferrovie, hanno potuto raggiungere a piedi la vicina stazione di Roma Palmiro Togliatti da dove hanno proseguito il loro viaggio con i mezzi sostitutivi messi a disposizione da Trenitalia. Nessuna persona a bordo ha riportato conseguenze fisiche da quanto accaduto“. Lo fa sapere il gruppo Ferrovie dello Stato in una nota.

“La circolazione ferroviaria ad Alta Velocità prosegue con allungamenti dei tempi di viaggio compresi fra 60 e 90 minuti come conseguenza degli instradamenti sulle linee convenzionali: i treni con fermata a Napoli Afragola percorrono la Roma-Cassino per poi rientrare nell’alta velocità, mentre gli altri proseguono sulla linea Roma-Formia. I tempi di ripristino dell’infrastruttura saranno comunicati dopo che i tecnici di Rfi avranno completato la ricognizione della linea e il binario sarà liberato dal treno”, conclude Ferrovie dello Stato.

ASSOUTENTI: “BENE INDENNIZZO A PASSEGGERI”

“Bene la decisione di Trenitalia di disporre un indennizzo in favore non solo dei passeggeri del Frecciarossa Torino-Napoli coinvolti nell’incidente odierno avvenuto a Roma, ma anche per i viaggiatori dei treni che hanno subito ritardi e ripercussioni a causa dello stop alla circolazione. Si tratta di una decisione saggia che evita contenzioni legali e riconosce come i diritti dei consumatori e degli utenti siano sempre da tutelare in situazioni come quella odierna caratterizzate da ritardi, disservizi e disagi per gli utenti. Attendiamo ora chiarezza sulle cause che hanno determinato lo sviamento odierno e siamo a disposizione di Trenitalia per lavorare insieme allo scopo di migliorare sempre di più il servizio di trasporto ferroviario”. Così il presidente di Assoutenti Furio Truzzi.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-03T20:19:13+02:00

Ti potrebbe interessare: