hamburger menu

Costringeva il figlio 12enne ad accompagnarlo nelle rapine: arrestato a Napoli

Il 45enne è indagato per sette rapine commesse a gennaio e per maltrattamenti in famiglia

carabinieri

NAPOLI – Ha commesso sette rapine utilizzando un fucile a canne mozze e un coltello per minacciare i dipendenti dei negozi, dai quali si faceva consegnare l’incasso. Ad aiutarlo anche il figlio 12enne, costretto dal padre ad accompagnarlo. L’uomo era solito minacciare o usare violenza contro il minore, in un contesto di continui maltrattamenti.

Stamattina i carabinieri della compagnia di Casoria e della stazione di Crispano hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere, emessa del gip del tribunale di Napoli Nord, nei confronti dell’uomo, un 45enne indagato per rapina aggravata, detenzione e porto illegale in luogo pubblico di armi comuni da sparo, ricettazione e maltrattamenti in famiglia.

Le indagini, dirette dalla Procura di Napoli Nord, hanno avuto origine dalle denunce delle vittime delle sette rapine commesse tra i Comuni di Crispano, Cardito e Afragola nel mese di gennaio. Nel corso di una perquisizione eseguita in casa dell’indagato, sono stati trovati e sequestrati il fucile a canne mozze e il coltello utilizzati per le rapine. Il fucile era stato rubato nel maggio del 2019. L’arrestato è stato accompagnato nella casa circondariale di Poggioreale, a Napoli.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-03T14:38:17+02:00