hamburger menu

Tg Scuola e Formazione, edizione del 3 giugno 2022

In questa edizione si parla di: sciopero nazionale della scuola, ITS-ICTAcademy, vincitori del concorso 'Spazio alle idee', questionario anticamorra

tg_scuola_3_giugno

SCIOPERO NAZIONALE DELLA SCUOLA, I SINDACATI: “AL FIANCO DEI LAVORATORI”. ADESIONE AL 13%

Cancelli chiusi in diversi istituti comprensivi e in qualche scuola media, mentre alle superiori a scioperare sono stati più che altro gli studenti. È il bilancio dello sciopero della scuola indetto il 30 maggio da Cgil, Cisl, Uil, Snals, Gilda e Anief. Si parla di una percentuale su base nazionale del 12-13% di adesioni. Numeri che però si differenziano molto tra i vari gradi di istruzione. All’Ic Valente di Roma, la dirigente scolastica Rosamaria Lauricella ha rilevato un’adesione di circa il 70% del personale. “Il disagio c’è stato ma ci eravamo organizzati per tempo, quindi eravamo pronti a far entrare gli studenti- ha commentato alla Dire- credo che questo tema del reclutamento sia molto sentito, e poi questo sciopero arriva in un momento di grande stanchezza di tutto il personale. Un segnale dal mondo della scuola che chiede di essere ascoltato”. A Roma, cancelli chiusi all’Istituto Comprensivo ‘Nitti’, all’Istituto ‘Piazza Filattiera 84 – Plesso Torricella Nord, e in molte altre scuole. In altri istituti invece, i genitori, avvertiti del rischio, non hanno neanche provato a mandare i figli a scuola. Anche all’Istituto Comprensivo ‘Don Milani Dorso’ (Napoli), “la partecipazione è stata significativa – racconta la preside Annunziata Di Rosa – nelle classi della primaria ha scioperato il 40% dei docenti, nella secondaria di primo grado più del 50%. Il disservizio è stato inevitabile”.

ITS-ICTACADEMY: “FINO AL 95% DEI NOSTRI STUDENTI TROVA LAVORO DOPO LA FORMAZIONE”

Circa un centinaio di studenti, appartenenti a tre istituti scolastici secondari di secondo grado di Roma, si sono collegati in diretta sul profilo Instagram dell’ITS-ICTAcademy per partecipare a un incontro dedicato all’orientamento. Gli studenti dell’ultimo anno del Liceo De Sanctis, dell’Istituto superiore Via Carlo Emery e dell’Istituto Pascal della Capitale hanno così avuto la possibilità di conoscere da vicino i corsi offerti dall‘Istituto tecnico superiore Information and Communications Technology Academy e dalla omonima Fondazione. Obiettivo dell’incontro, dunque, far conoscere a giovani ragazzi e ragazze, prossimi alla maturità, la nuova opportunità formativa, alternativa all’università e della durata di due anni, offerta dall’Accademia per far acquisire le principali competenze operative necessarie per lavorare nel mondo dell’information technology. “I principali ambiti sui quali noi lavoriamo- spiega Fabrizio Rizzitelli, presidente della Fondazione sono programmazione Java, Cybersecurity e Data Scientist. Qui a Roma c’è una grande richiesta perché quasi tutte le aziende lavorano per l’indotto della pubblica amministrazione e questo permette ai giovani, dopo la formazione, di essere facilmente inseriti nel mondo del lavoro. Su questo genere di percorsi formativi- ha detto ancora- abbiamo un placement molto alto, parliamo del 90-95% al termine delle attività didattiche”.

PREMIATE LE 4 CLASSI VINCITRICI DEL CONCORSO ‘SPAZIO ALLE IDEE’

“Se lo puoi immaginare lo puoi fare”: questo il messaggio emerso dalla cerimonia di premiazione di ‘Spazio alle idee’ il concorso, dedicato alle scuole, per trovare un nome alla nuova costellazione di satelliti italiani per l’osservazione della Terra. Il nome scelto, Iride, è stato annunciato direttamente dall’astronauta dell’ESA- Agenzia spaziale europea, Samantha Cristoforetti direttamente dalla Stazione Spaziale Internazionale. La giuria oltre alla Cristoforetti era composta da altri due astronauti italiani dell’ESA: Luca Parmitano e Roberto Vittori. Quattro le classi che si sono aggiudicate il premio: la 2° A primaria dell’Istituto comprensivo ‘Militi’ di Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina, la 2° B dell’Istituto comprensivo ‘Carpaneto piacentino’ di Piacenza, la 3° D dell’Istituto comprensivo ‘A. Manzoni’ di Samarate in provincia di Varese e la 2°C dell’Istituto comprensivo ‘Paolo e Rita Borsellino’ di Valenza in provincia di Alessandria. Iride sarà realizzata in Italia e completata entro cinque anni con il supporto dell’ESA e dell’ASI- Agenzia spaziale italiana grazie alle risorse del PNRR, Piano nazionale di ripresa e resilienza, e diventerà il più importante programma spaziale satellitare europeo di Osservazione della Terra a bassa quota. All’evento di premiazione presenti il presidente dell’ASI Giorgio Saccoccia, il ministro per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale Vittorio Colao e il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi.

QUESTIONARIO ANTICAMORRA A 10MILA STUDENTI DELLA CAMPANIA

Presentati a Napoli i dati del questionario anticamorra somministrato in 31 scuole di Napoli e provincia e del casertano di cui 7 istituti comprensivi e 24 istituti superiori statali, della città di Napoli, dei comuni della Città metropolitana partenopea e della provincia di Caserta per un totale di 10195 gli studenti intervistati. L’obiettivo del sondaggio è stato quello di rilevare, descrivere ed analizzare la conoscenza che gli studenti hanno della criminalità giovanile; le rappresentazioni e le opinioni che gli studenti associano alla criminalità giovanile; i significati simbolici e valoriali che gli studenti associano alle mafie; le rappresentazioni e le opinioni che gli studenti hanno delle organizzazioni criminali; la conoscenza che gli studenti hanno dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e del fenomeno mafioso. “Quello che credo sia rilevante- ha detto l’assessora all’Istruzione della Regione Campania, Lucia Fortini- è lo sforzo che scuola e insegnanti stanno facendo di discutere di un tema prioritario con gli studenti che vanno coinvolti. La mia sensazione è che i ragazzi abbiano uno scollamento rispetto a persone che noi definiamo ‘eroi’ e che facevano il loro lavoro. Devono capire- ha concluso- che anche loro stessi possono svolgere quelle funzioni”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-03T14:28:24+02:00