Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tangenti al Comune di Torre Annunziata, arrestato ex vicesindaco

Il maresciallo della guardia di finanza in servizio presso la compagnia di Torre del Greco è gravemente indiziato del reato di "induzione indebita"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – La guardia di finanza di Torre Annunziata (Na) ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della locale procura della Repubblica, a carico di L.A., maresciallo della guardia di finanza in servizio presso la compagnia di Torre del Greco, gravemente indiziato del reato di “induzione indebita”, commesso nella sua veste di vicesindaco ed assessore ai Lavori pubblici del Comune di Torre Annunziata.

L’ordinanza, si legge in una nota del procuratore della Repubblica Nunzio Fragliasso, si inquadra in una più ampia indagine che il 28 dicembre scorso aveva già portato all’arresto, nella flagranza del medesimo reato, di Nunzio Ariano, già dirigente dell’Ufficio Tecnico del Comune di Torre Annunziata, per aver ricevuto indebitamente dall’imprenditore partenopeo Vincenzo Supino, titolare della ditta edile Supino Group srl, una tangente di 10mila euro in contanti per l’affidamento diretto dei lavori di adeguamento delle scuole del comune alle norme anti covid-19, e che lo scorso primo aprile aveva portato all’emissione di un’altra ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Ariano per il medesimo reato relativo alla indebita percezione, da parte di quest’ultimo, di ulteriori somme di denaro erogate dallo stesso imprenditore per lo stesso appalto.

Le indagini condotte dalla guardia di finanza hanno consentito di accertare il coinvolgimento, a pieno titolo, dell’ex vicesindaco del Comune di Torre Annunziata nelle consegne indebite delle somme di denaro erogate dall’imprenditore all’ex dirigente dell’Utc del Comune, e “di identificare nell’arrestato di oggi” la “parte politica”, evocata dall’imprenditore, alla quale era destinata la metà della “tangente”, che era stata concordata per l’affidamento diretto alla Supino Group srl con la procedura di somma urgenza, dell’appalto e che, il 28 dicembre, era stata consegnata dall’imprenditore al dirigente tecnico comunale già suddivisa in due “mazzette” del medesimo importo.

L’accusa formulata nei confronti dell’ex vicesindaco di Torre Annunziata è di avere indotto, in concorso con Ariano, l’imprenditore a consegnargli indebitamente la somma di 20mila euro in contanti, materialmente erogata ad Ariano, e a promettergli altrettanto indebitamente un’ulteriore somma di denaro, sempre di 20mila euro, a fronte dell’affidamento dei lavori alla ditta di Supino. Le fiamme gialle hanno eseguito perquisizioni sia nell’abitazione che nell’ufficio dell’arrestato. È, inoltre, scattato per la Supino Group srl il divieto di contrattare con la pubblica amministrazione per un anno. Al termine delle formalità di rito, L.A. sarà condotto al carcere di Poggioreale di Napoli.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»