Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Nigeria ‘Love Fc’ sfida ‘Unity’: i gol sono per la pace

nigeria calcio
Sfide di quartiere per far rinascere Jos dopo anni di tensione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La pace, come le amicizie, la si può costruire anche sfidandosi a pallone: parola di Salis Muhammad Abdulsalam, sui social “FaceofPeace11”, attivista per i diritti in una delle città della Nigeria dove le tensioni e anche le violenze tra comunità sono state negli anni più frequenti.

A Jos si è appena tenuto un campionato con sfide quartiere per quartiere, insieme cristiani e musulmani, impiegati e studenti, disoccupati e negozianti. Alle partite hanno dedicato servizi sia emittenti nigeriane come Channels Television che testate internazionali come Africa News. A sfidarsi sono state squadre dai nomi disarmanti, stile Love Fc, Unity Fc, Forgiveness Fc e Patience Fc. Molti gol, fair play e zero falli di reazione, assicura Abdulsalam, fondatore dell’ong Face of Peace Global, in un’intervista con l’agenzia Dire: “Abbiamo giocato nove partite in zone altamente ‘infiammabili’, senza che ci fosse neanche un poliziotto, un militare o altri agenti addetti alla sicurezza”.

La ricetta sarebbe semplice ma efficace: “Facciamo allenare insieme i ragazzi, che poi giocano insieme; si creano unità e spirito di squadra, mentre parallelamente si riducono diffidenza e sfiducia”.

Situata nel cuore geografico della Nigeria, tra il nord semiarido a maggioranza musulmana e il sud petrolifero perlopiù cristiano, Jos è stata teatro di scontri tra comunità nel 2001 e poi ancora nel 2008 e nel 2010. In ogni nuova fiammata centinaia di vittime per conflitti legati al controllo delle terre, delle risorse e anche del potere politico.

Sulla stampa internazionale gli scontri sono stati descritti a volte come di carattere interreligioso, con cristiani della comunità berom che si contrapporrebbero a musulmani, perlopiù del gruppo fulani. Questa interpretazione è stata però contestata da rappresentanti della società civile e autorità locali. Secondo l’arcivescovo cattolico di Abuja, il cardinale John Onaiyekan, le violenze nell’area di Jos sono “il classico conflitto tra pastori e contadini, eccetto per il fatto che i fulani sono musulmani e i berom cristiani”. Alcuni osservatori hanno anche denunciato il peso di discrimazioni di status: se i berom sono classificati come “nativi”, i fulani sarebbero invece “coloni”, pur vivendo in città da decenni.
Il campionato è stata un’altra storia. Prima dei gol, a ogni partita, riferisce Abdulsalam, ci sono stati momenti musicali. Dj e performer hanno cantato in lingue e dialetti locali, coinvolgendo i più giovani. A bordo campo, nello stadio di Rwang Pam, il 14 maggio c’era uno striscione con la scritta ‘Musica+calcio=pace’.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»