Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lavoro, Landini: “Dall’Ue bugia totale sui licenziamenti, abolire leggi balorde sul precariato”

landini
"Sono stati tolti diritti ed è aumentata la precarietà, perchè non tolgono quelle leggi balorde che hanno creato 30 forme diverse di lavoro?"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “E’ una bugia totale” dire che il blocco dei licenziamenti danneggia i precari. Maurizio Landini, segretario della Cgil, all’Aria che tira su La7 spiega: “Il primo problema è che nel Paese c’è troppa precarietà e una delle cose da fare è cancellare delle forme di lavoro precarie assurde. Il secondo aspetto riguarda la questione degli ammortizzatori sociali. Non stiamo dicendo che non si può licenziare mai più, ma di fare il 31 ottobre per tutti. E prima di agosto fare una riforma degli ammortizzatori davvero universale”. Così il segretario della Cgil, Maurizio Landini, a ‘L’aria che tira’ su La7.

“Mi sono stancato di sentir parlare di garantiti e non garantiti”, prosegue Landini. “Chi sarebbero quelli garantiti? I lavoratori che pagano le tasse e prendono mille euro al mese? Sono stati tolti diritti ed è aumentata la precarietà, perchè non tolgono quelle leggi balorde che hanno creato 30 forme diverse di lavoro? Gli imprenditori non trovano lavoratori stagionali? Vanno pagati di più“.

LEGGI ANCHE: I giovani non vogliono più lavorare? Fratoianni: “Pagati una miseria, salario minimo misura fondamentale”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»