Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

De Magistris: “Da Maresca posizioni di destra ideologica”. La replica: “Rispetto della legge prioritario”

"La priorità di Maresca sono i centri sociali e non la camorra?", si era chiesto stamattina il primo cittadino napoletano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “La priorità di Maresca sono i centri sociali? Mi sembra una posizione di destra molto ideologica e conferma come la sua candidatura sia fortemente orientata in un certo perimetro politico”. La pensa così il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, intervenuto ai microfoni di radio Crc. “Io credo che in questi anni anche i centri sociali, le esperienze di autogestione e di autogoverno – aggiunge – siano stati elementi di grande vitalità e vivacità di questa città. Io credo abbiano dato un contributo enorme sul piano culturale, della partecipazione dal basso, per le lotte a favore di acqua pubblica, beni comuni, contrasto alle diseguaglianze. Allora, la priorità di Maresca non è la lotta alla camorra, lo spezzare i legami tra camorra e politica, ma fare la lotta ai ragazzi della nostra città? Sarà questa la sua concezione di legalità”.

MARESCA: “SE RISPETTO LEGGE È DI DESTRA, SONO DI DESTRA

“Non rispondo né replico al sindaco di Napoli perché nonostante tutto è la massima istituzione cittadina e per me merita rispetto a prescindere”. Così Catello Maresca, candidato sindaco di Napoli, in risposta a Luigi de Magistris che aveva definito la sua posizione “di destra molto ideologica” in riferimento all’attacco sferratogli dal pm in aspettativa sui centri sociali.

“La priorità di Maresca sono i centri sociali e non la camorra?”, si era chiesto stamattina il primo cittadino napoletano. “Ho spiegato in pubblico, in maniera trasparente, che offro il mio impegno alla città che amo. Ho detto in ogni salsa – prosegue Maresca – che la mia esperienza è autenticamente civica. Ho detto anche che sono aperto al contributo di chiunque voglia misurarsi sui programmi, sulle cose da fare per Napoli. La mia base di partenza è l’ascolto e l’aiuto di chi soffre. Un piano di rinascita della città che abbia al centro i napoletani, quelli che ogni mattina tirano la carretta e soffrono perché non hanno un lavoro, non riescono a mettere il piatto a tavola. Ed ho anche detto che Manfredi viene candidato a far rinascere Napoli da coloro che l’hanno ridotta in macerie, governando negli ultimi 30 anni”.

Per Maresca “sulla storia dei centri sociali vale la pena spiegare che alla domanda di un giornalista su cosa ne pensassi di chi invade edifici pubblici e li occupa abusivamente per fini non leciti ho risposto che bisogna chiamare la forza pubblica, far sgomberare e denunciare. Che siano centri sociali, centri asociali o componenti della bocciofila, per me che sono uomo di legge cambia poco. Un reato, se reato è, va perseguito. Ho spiegato, ripeto testuale, che in un quadro di regole, di leggi, se uno Stato è serio e le fa rispettare, si tutelano i più deboli rispetto a quelli violenti e prepotenti. Se far rispettare la legge è di destra, allora sono di destra. Questi slogan, non si offenderà il sindaco, a me fanno ridere. Sulla lotta alla camorra e sui legami da recidere tra politica e camorra, ognuno la può pensare come crede. Su questo versante parla il mio lavoro. La gente, e soprattutto i giovani perbene, sanno che la mia preoccupazione principale da sempre è vedere Napoli ripulita da degrado urbano e morale. La camorra non è un male da contrastare ma un cancro da estirpare. E chi ne parla, come si dice a Napoli a schiovere, senza avere alcuna esperienza fatta, contribuisce ogni giorno ad aggravare la situazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»