Maltempo, in arrivo temporali e venti forti: allerta in otto regioni

Arancione in Lombardia, gialla in altre 7 regioni del Nord Italia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – E’ in arrivo un’area di bassa pressione di origine nord-atlantica sul nostro Paese, che determinerà nelle prossime ore una forte fase perturbata sulle regioni settentrionali, in graduale estensione alle regioni centrali. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dal pomeriggio di oggi, mercoledì 3 giugno, precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere temporalesco, su Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, in estensione, dalle prime ore di domani, giovedì 4 giugno, a Liguria, Emilia-Romagna e, dalla sera, alla Toscana.  I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti, è stata valutata per la giornata di domani, giovedì 4 giugno, allerta arancione per rischio idrogeologico su alcuni settori della Lombardia. Valutata inoltre allerta gialla sui restanti bacini della Lombardia, su gran parte del Piemonte e sull’intero territorio di Liguria, Veneto, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna e Toscana.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»