Sfregio alla Porta d’Europa di Lampedusa, simbolo dell’accoglienza ai migranti

L'opera dell'artista Mimmo Paladino nel corso della notte é stata impacchettata e sigillata con del nastro adesivo da imballaggio e dei teli neri
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – “Sfregio” alla Porta d’Europa, opera dell’artista Mimmo Paladino e uno dei simboli dell’isola di Lampedusa e dell’accoglienza ai migranti, che nel corso della notte e’ stata impacchettata e sigillata con del nastro adesivo da imballaggio e dei teli neri. A dirlo e’ il sindaco di Lampedusa, Toto’ Martello: “È un’azione meschina – dice – che fa male all’immagine di Lampedusa e soprattutto fa male ai lampedusani: ho immediatamente sporto denuncia alle Autorita’ competenti, mi auguro che i responsabili vengano individuati. Lo Stato deve riaffermare la sua presenza sull’isola e lo deve fare anche attraverso azioni concrete di sostegno ad una comunita’ che continua a ‘tenere aperta’ quella porta in nome del rispetto dei diritti umani, nonostante enormi sacrifici e nonostante qualcuno abbia intenzione di chiuderla. La Porta d’Europa e’ uno dei simboli della nostra isola e della nostra comunita’ – prosegue Martello – e’ un’opera conosciuta a livello internazionale e vederla sfregiata in modo cosi’ volgare e’ una ferita che fa male e che ci preoccupa. Lampedusa – continua Martello – si e’ sempre sobbarcata il peso di un’accoglienza che ha urgente bisogno di regole certe e condivise, e continua a farlo nonostante l’emergenza coronavirus che sta determinando una crisi economica e sociale che sull’isola non ha precedenti e che rischia di essere terreno fertile per chi vuole sobillare tensioni, divisioni e pericolosi atti di ribellione nei confronti delle istituzioni. Faccio dunque appello al governo nazionale, alla Comunita’ europea e a quanti hanno a cuore i valori della pace e dei diritti umani – conclude il sindaco – affinche’ a Lampedusa si intervenga al piu’ presto con azioni di concreta solidarieta’ e sostengo alla comunita’ locale, prima che un’ondata di odio sociale travolga tutto”.

Dopo la denuncia del sindaco Martello e l’intervento della polizia municipale, la Porta d’Europa e’ stata ‘liberata’ dagli involucri che erano stati messi durante la notte ed e’ tornata ad essere il “simbolo di Lampedusa”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»