Roma, nei municipi II e III è emergenza rifiuti

L'allarme del minisindaco del III Municipio Giovanni Caudo: "L'indifferenziata è in strada e non viene raccolta da almeno 3 giorni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nel III ma anche nel II Municipio siamo all’emergenza rifiuti. L’indifferenziata è in strada e non viene raccolta da almeno 3 giorni. Inoltre ci dicono che possono raccogliere solo un terzo del quantitativo in strada. Una cosa intollerabile. Il nostro Municipio è sporchissimo, per la terza volta in un anno. Dobbiamo chiamare la Asl e forse dichiarare lo stato di emergenza”. Così il presidente del III Municipio, Giovanni Caudo, in occasione di una conferenza stampa con gli altri presidenti di Municipio sul tema dei servizi.

MUNICIPIO II: E’ EMERGENZA, BASTA PROPAGANDA CAMPIDOGLIO

“Informiamo tutti i nostri cittadini che, nonostante le rassicurazioni della Giunta capitolina sulle trasformazioni del contratto di servizio Ama, la situazione dei rifiuti nel Municipio II è seriamente in crisi. Le macchine che dovrebbero svuotare i cassonetti sono ridotte al 30%. L’impianto di Rocca Cencia ha difficoltà nella ricezione dei rifiuti. Si annunciano nuovi spazzamenti, ma non è specificato un programma dove si riporti nel dettaglio l’elenco delle vie interessate e le modalità di interventi. A tutto ciò occorre aggiungere che molti lavoratori andranno in pensione a breve, quando raggiunto i requisiti, in virtù della quota 100. Nessun accenno ad un investimento su un vero piano industriale che sia in grado di migliorare la qualità del servizio. Il comunicato della Giunta capitolina non consegna per l’ennesima volta un quadro chiaro di come si intende affrontare l’emergenza rifiuti. Si scarica in sintesi sui lavoratori tutto il peso dell’inerzia della Giunta Capitolina”. Così in una nota l’assessore all’Ambiente del Municipio II di Roma, Rosario Fabiano.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

3 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»