Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Chris Cornell, dopo i risultati delle analisi ancora dubbi sulla morte

Ancora aperte le indagini. Confermata la morte per impiccagione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nelle ultime ore non era più lui: qualcosa è andato terribilmente storto”. Sono le parole di Vicky vedova di Chris Cornell, certa che i risultati delle analisi avrebbero dato un senso al gesto della star. Ma così non è stato.

L’esito degli esami

Il cantante dei Soundgarden, trovato morto nel bagno di una stanza di albergo a Detroit non si è impiccato a causa delle sostanze assunte poco prima. E il caso rimane aperto. In molti infatti, i suoi cari in primis, erano convinti che Cornell si era impiccato sotto l’effetto di medicinali assunti per calmare l’ansia, ma i risultati smentiscono le ipotesi. Gli esami tossicologici effettuati sul corpo del cantante rivelano la presenza di benzodiazepine, barbiturici e sedativi ma questi “non hanno contribuito a causarne la morte” ha affermato Théodore Brown,il medico legale che ne ha stilato il referto.

Caso ancora aperto

Il caso dunque rimane ancora aperto. Intanto i risultati dell’autopsia confermano che la morte di Cornell è avvenuta a causa dell’impiccagione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»