Arriva il Giro d’Italia, poker di tappe in Emilia-Romagna dall’11 maggio

Giro d'Italia Bologna
Bonaccini: "La gara ciclistica qui è di casa". Primo arrivo a Sestola, poi Cattolica e Bagno di Romagna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il Giro d’Italia si appresta a tornare sulle strade dell’Emilia-Romagna, che quest’anno sarà attraversata quasi interamente dalla carovana rosa. Si comincia martedì prossimo, 11 maggio, con la Piacenza-Sestola, primo arrivo in quota del Giro con probabilissimo scossone alla classifica generale. Il giorno dopo, mercoledì 12, tappe per velocisti da Modena a Cattolica con passaggi a Bologna, Imola, Faenza, Forlì, Cesena, Rimini e Riccione. La corsa rosa tornerà in regione il 20 maggio, con l’attesa Siena-Bagno di Romagna, altre montagne e stavolta omaggio ad Alfredo Martini nei 100 anni della nascita. Infine, venerdì 21 maggio, la Ravenna-Verona, con partenza dalla città dei mosaici, quest’anno al centro delle manifestazioni per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, e poi via verso il ferrarese e la città estense per poi lasciare l’Emilia-Romagna verso il Veneto.

Il Giro d’Italia qui è di casacommenta il presidente della Regione Stefano Bonaccini presentando oggi l’evento- siamo certi che le tappe sul nostro territorio saranno una festa e un grande spettacolo agonistico, così come saranno sicure dal punto di vista della prevenzione sanitaria”. La regione Emilia-Romagna, “è da sempre legata a doppio filo con il Giro d’Italia”, gli fa eco il direttore del Giro Mauro Vegni. “Una terra di ciclismo, di grandi appassionati e che ha dato ai natali a grandi campioni non poteva mancare anche quest’anno nel percorso della corsa Rosa. Sestola, primo arrivo in salita del Giro, Piacenza, Modena, Cattolica, Bagno di Romagna e Ravenna – insieme a tutto il territorio emiliano-romagnolo che attraverseremo – faranno da cornice a tappe che mi aspetto spettacolari e ricche di fascino, non solo sportivo, ma anche culturale, storico e paesaggistico”.

È “sempre un onore per la nostra regione ospitare il Giro d’Italia, uno degli eventi sportivi più importanti del nostro paese”, sottolinea da parte sua il commissario tecnico della nazionale di ciclismo e presidente Apt Davide Cassani. “Una manifestazione straordinaria che quest’anno percorrerà il nostro territorio in lungo e in largo con una cavalcata sulla via Emilia e tappe impegnative come quella prestigiosa a Bagno di Romagna nel segno di Martini e Bartali. Un vero e proprio abbraccio dell’Emilia-Romagna al Giro”.

LEGGI ANCHE: Da Dante a Morandi, passando per Modigliani e Ligabue: tutte le mostre in Emilia-Romagna

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»