Covid, la Grecia riapre bar e ristoranti e sposta l’orario del coprifuoco

Il governo di Atene ha dato il via libera dopo sei mesi di chiusure, tutti a casa entro le 23. La prossima settimana il rientro a scuola, poi l'apertura al turismo dall'estero
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo sei mesi di chiusura causa Covid, oggi in Grecia hanno riaperto bar e ristoranti, seppur con una serie di vincoli. I bar possono infatti accogliere non più di sei consumatori seduti nei tavoli all’aperto e rispettando le misure di distanziamento sociale. Per quanti invece lavorano nel settore della ristorazione sono previsti test obbligatori e l’uso della mascherina. Per evitare che i clienti si avvicinino troppo nel tentativo di parlarsi, bar e ristoranti non possono diffondere musica nei propri locali e dovranno chiudere alle ore 22.45. Da oggi, inoltre, il coprifuoco è in vigore tra le ore 23 e le ore 5 e non più tra le 22 e le 5.

LA SETTIMANA PROSSIMA IL RITORNO A SCUOLA, POI IL VIA LIBERA AL TURISMO

Una nuova boccata d’ossigeno è prevista tra una settimana: lunedì 10 maggio gli alunni delle scuole elementari e medie potranno tornare a frequentare le lezioni in aula, mentre a partire dal 14 maggio la Grecia riaprirà al turismo dall’estero. La decisione del governo di Atene di riaprire in maniera graduale e di revocare progressivamente le restrizioni arriva dopo che in tutto il Paese è stato registrato un calo dei contagi da coronavirus.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»