L’Anpi a Lamorgese: ” Gravissime autorizzazioni a commemorazioni fasciste, Viminale indaghi”

L'Associazione nazionale partigiani chiede alla ministra dell'Interno di intervenire su chi ha autorizzato le manifestazioni di Dongo e Giulino di Mezzegra
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Gentilissima Ministro, certamente è a conoscenza delle commemorazioni fasciste della mattina del 2 maggio a Dongo e Giulino di Mezzegra. Ci risulta che tali commemorazioni siano state autorizzate dalle autorità competenti nonostante le proteste di un’ampia area di forze sociali e politiche e nonostante alcune interrogazioni parlamentari”. Lo scrive il Presidente nazionale ANPI Gianfranco Pagliarulo in una lettera indirizzata al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese.

“Si è trattato di eventi pubblici e pubblicizzati, corredati di manifestazioni esteriori di esaltazione di esponenti del fascismo. Durante l’iniziativa di Giulino di Mezzegra erano presenti due cartelli, sul primo dei quali era scritto “In questa Italia penosa e buia un raggio di luce ricordando il nostro Duce”, e sul secondo “Solo Dio può piegare la volontà fascista. Gli uomini e le cose mai”. Su di un terzo cartello era riprodotto l’effigie di Benito Mussolini. Sia a Dongo che a Giulino di Mezzegra i partecipanti hanno ripetutamente ostentato il saluto romano e scandito le parole ‘Duce, Duce!’”, ricorda Pagliarulo.

Il presidente dell’Anpi scrive ancora: “Ella è anche a conoscenza che la legge 645/1952 – la cosiddetta legge Scelba – sanziona “(…) chiunque pubblicamente esalti esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche”. Quello che è avvenuto a Dongo e Giulino di Mezzegra era previsto e prevedibile. Direi di più: era certo e ovvio. Pensiamo perciò che chi ha autorizzato tali eventi abbia commesso un gravissimo errore di cui si deve assumere la responsabilità. Ancor più grave sarebbe mettere sullo stesso piano la doverosa e pacifica iniziativa unitaria di contrasto alla manifestazione neofascista con tale manifestazione neofascista. Si tratterebbe di una equidistanza intollerabile sia dal punto di vista ideale, essendo irragionevole, oltre che illegittimo, essere equidistanti fra Repubblica democratica e fascismo, sia dal punto di vista giuridico, essendo i comportamenti messi in atto dai manifestanti filofascisti, configurabili come reati”.

Pagliarulo aggiunge che “tutto ciò avviene in un contesto da tempo lacerato da una ininterrotta e crescente serie di iniziative, provocazioni, aggressioni fisiche o via social, spesso con connotazioni razziste, discriminatorie o nazionaliste, da parte di gruppi o esponenti neofascisti, costituendo nell’insieme un quadro allarmante in particolare nel difficilissimo momento che attraversa il Paese. Mi pare che i discorsi pronunciati il 25 aprile dal Presidente della Repubblica al Quirinale e dal Presidente del Consiglio al museo di via Tasso sgomberino il campo da qualsiasi titubanza o tolleranza nei confronti di ogni pubblica manifestazione che si richiami al fascismo. A nome dell’Associazione che rappresento, mi permetto perciò di chiederLe di appurare nel dettaglio le responsabilità in merito alle iniziative in oggetto traendone le necessarie conseguenze, di impedire qualsiasi iniziativa, comunque motivata, di apologia del fascismo, di contrastare ogni forma di aggressione o provocazione sia fisica che tramite social da parte di persone che al fascismo si richiamano”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»