Vaccino, Figliuolo: “Pensiamo a raccomandare nuovamente AstraZeneca anche agli under 60”

VISITA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI AL CENTRO VACCINAZIONE ANTI COVID-19 DI FIUMICINO
Il commissario per l'emergenza Covid: "Gli effetti collaterali sono infinitesimali, i vaccini vanno usati tutti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È probabile che in quella che si chiama rolling review, ovvero revisione dovuta all’esperienza accumulata durante le vaccinazioni, si possa raccomandare AstraZeneca anche per gli under 60. Si sta pensando a questo, ho avuto interlocuzioni con Aifa, Cts, Consiglio superiore di Sanità e Istituto Superiore di Sanità”. Lo ha detto il commissario per l’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo, a Roma in occasione dell’inaugurazione dell’hub vaccinale nel Polo acquatico di Ostia, grazie alla collaborazione con la Federnuoto. “I vaccini vanno impiegati tutti. AstraZeneca è consigliato per determinate classi ma l’Ema dice che va bene per tutti, come dimostra la Gran Bretagna con 21 milioni di somministrazioni – ha spiegato Figliuolo – È chiaro che ci sono degli effetti collaterali ma sono infinitesimali. Per questo dobbiamo usare tutte le dosi altrimenti il programma non raggiungerà gli effetti desiderati nei tempi che ci siamo prefissati”.

“SOMMINISTRATE 20,7 MILIONI DI DOSI, PRESTO LE CLASSI PRODUTTIVE”

“Ad oggi risultano 20,7 milioni di somministrazioni a fronte di 24,7 milioni di dosi consegnate: abbiamo 4 milioni di vaccini da impiegare nei prossimi giorni, fino ai nuovi arrivi previsti per il 6 maggio: la campagna sta procedendo nei tempi che mi ero prefigurato. Dobbiamo impiegare tutto quello che abbiamo, solo così la campagna vaccinale potrà rispettare i tempi stabiliti”. Così il generale Francesco Paolo Figliuolo dal Polo natatorio di Ostia sui tempi della campagna vaccinale. “Faccio un appello a tutti i presidenti delle Regioni, e devo dire che nel Lazio è già stato accolto perché su questo al momento sono i numeri uno”, ha aggiunto il commissario per l’emergenza Covid, ricordando ai governatori di “seguire il piano vaccinale: prima gli over 80, poi la fascia 70-79 e gli over 65, per poter poi riaprire al più presto alle classi produttive, a turismo, spettacolo, sport. Non disperdiamo le dosi in altri rivoli”.

LEGGI ANCHE: Vaccino, Figliuolo: “Dopo over 65 apriamo a tutti. Pensiamo di farlo nelle scuole”

“AL VIA I VACCINI AGLI ATLETI CHE ANDRANNO ALLE OLIMPIADI”

“A brevissimo vaccineremo gli atleti che andranno alle Olimpiadi, perché anche quello è un segno dell’Italia che riparte“. Lo ha annunciato il generale Francesco Paolo Figliuolo presso il Polo Natatorio di Ostia. Il presidente della Federnuoto, Paolo Barelli, poco prima, aveva evidenziato: “Abbiamo atleti che vanno alle Olimpiadi, agli Europei, ai Mondiali e devono essere tutelati. Spero che quanto prima le autorità competenti aprano a quei duemila-tremila atleti che devono andare a Tokyo 2020. Prendere il coronavirus oggi vorrebbe dire saltare le Olimpiadi”.

LEGGI ANCHE: Covid, Fondazione Gimbe: “Indice Rt risale, il ritorno a scuola può essere la causa”

“SPERIAMO DI RIAPRIRE GLI IMPIANTI SPORTIVI AL PIÙ PRESTO”

Il commissario Figliuolo ha anche fatto il punto sugli impianti sportivi al chiuso, che sono ancora in attesa di riaprire: “Speriamo di poter aprire il prima possibile. Lo decideremo insieme al Cts, ma chiaramente più andiamo avanti con la campagna vaccinale, più otteniamo risultati”. Le palestre dovrebbero riaprire il 1° giugno, secondo quanto stabilito dal governo Draghi, mentre le piscine all’aperto già il 15 maggio.

LEGGI ANCHE: Ecco il nuovo decreto riaperture: spostamenti, green pass, scuola in presenza e sport

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»