Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Genova, alta tensione estrema destra-Antifa domani a Brignole. Anpi: “No a raduni fascisti”

Si preannuncia una mattinata di forte tensione a Genova, dove l'estrema destra si è data appuntamento per commemorare Ugo Venturini, militante missino ucciso in piazza nel 1970. L'assemblea antifascista si è mobilitata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Si preannuncia una mattinata di alta tensione domani a Genova nella zona di Brignole. A poche ore e, soprattutto, pochi metri di distanza, si riuniranno i militanti di estrema destra per ricordare la morte di Ugo Venturini e i ‘compagni’ di Genova Antifascista al grido di “nessuna sfilata nazista rimarrà senza risposta”. Ma andiamo con ordine.

Come ormai da tradizione, esponenti di Casapound, Forza nuova, Lealtà e azione e altre realtà di estrema destra hanno dato appuntamento a tutti i “camerati” alle 11, in piazza della Vittoria per commemorare Ugo Venturini, militante missino ucciso nel 1970 in piazza Verdi durante un comizio di Giorgio Almirante. La manifestazione, autorizzata dalla Questura, dopo l’inquadramento prevede una marcia in direzione della vicina piazza Verdi, sotto la targa commemorativa. Potrebbe partecipare anche il leader nazionale di Casapound, Gianluca Iannone. E ci sarà anche il consigliere comunale delegato alla Protezione civile, Sergio Gambino.

A chiamare tutti a raccolta è il responsabile genovese di Lealtà e Azione, Giacomo Traverso: “La vita è fatta di scelte, esserci o non esserci. Chi sarà con il Branco, sabato mattina, a rendere onore ai nostri caduti, non avrà fatto altro che il suo compito da Legionario, chi deciderà di non venire o casualmente avrà impegni dell’ultimo momento, beh, sulla strada delle Legioni non ci sarà spazio per timorosi e ignavi”.

Ma nei giardini di Brignole, per tutta riposta, alle 9 si è data appuntamento anche “Genova Antifascista”. La convocazione è arrivata attraverso i social network e con una scritta comparsa nella notte a Dinegro, “in risposta al vergognoso raduno fascista. L’antifascismo non si pratica solo il 25 aprile l’antifascismo si pratica tutti i giorni. E’ dunque necessario scendere in piazza uniti, compatti, numerosi e determinati. Non concediamo loro neanche un centimetro delle nostre strade! Non un passo indietro”. Intanto, nella notte, 13 militanti di estrema destra sono stati fermati dalla polizia mentre attaccavano manifesti in vista della commemorazione: portati in Questura, otto di loro sono stati denunciati.

CGIL, ANPI, ARCI, LIBERA IN CAMPO: NO A RADUNI FASCISTI

Ci saranno anche Cgil, Anpi, Arci, Libera e Comunità di San Benedetto domani mattina ai giardini di Brignole, a Genova, a contestare il raduno dell’ultradestra per commemorare la morte di Ugo Venturini. Sindacato e associazioni hanno risposto all’appello di Genova Antifascista. “Genova dice no ai raduni fascisti– scrivono in una nota unitaria- sono passati pochi giorni dalle celebrazioni del 25 aprile, con cui il Paese ha festeggiato la fine della dittatura e la liberazione dalle forze nazifasciste. Sono passati pochi giorni anche dai fatti di Milano dove i militanti di estrema destra, per l’ennesima volta, si sono collocati fuori dalla legalità costituzionale”.

La notizia “del raduno neofascista che si terrà domani a Brignole non può lasciare indifferenti quanti credono in un paese democratico e libero da chi usa la violenza, la paura e il razzismo per imporre idee nefaste e contro la civile convivenza”. Cgil e movimenti antifascisti vanno oltre e “come ha già fatto Maurizio Landini dal palco di Bologna il primo maggio e la presidente nazionale dell’Anpi, Carla Nespolo, in più occasioni” chiedono “di chiudere i covi fascisti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»