Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Da Calenda sfida last minute a Salvini: “Sono a Modena, facciamo un match?”

Oggi Calenda e Salvini sono entrambi in Emilia-Romagna: il primo lancia la sfida per un faccia a faccia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Carlo Calenda, capolista del Pd per le europee nella circoscrizione nordest, lancia la sfida last minute al vicepremier Matteo Salvini. Dato che anche l’ex ministro oggi è in tour per appuntamenti elettorali in Emilia-Romagna, proprio come il titolare dell’Interno, Calenda via Twitter gli lancia una proposta: “Ma se venissi al tuo comizio a Modena verso le 15 e facciamo un faccia a faccia? Pubblico tutto tuo. Moderatore Morisi se vuoi”.

Modena è forse l’appuntamento centrale del tour di Salvini che oggi sposta lungo l’Emilia (Fidenza poi Reggio e quindi Modena fino a Ferrara nel pomeriggio); sotto la Ghirlandina il leader della Lega è atteso anche da vari contestatori e ieri ha fatto anche sapere di non poter raccogliere l’invito del sindaco Gian Carlo Muzzarelli per un incontro ad hoc in cui discutere della sicurezza e del Cpr in città; troppi gli impegni per la giornata di oggi per il vicepremier.

Ma Calenda tenta lo stesso: “Io sono in giro per appuntamenti elettorali in Emilia-Romagna”, ‘segnala’ a Salvini e quindi “se venissi al tuo comizio a Modena verso le 15 e facciamo un faccia a faccia?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»