Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, la denuncia di Mediterranea: Malta collabora con Libia, deportati in 180

Dalla ong Mediterranea arriva una denuncia gravissima: ieri sera la guardia costiera libica sarebbe riuscita a localizzare un'imbarcazione di migranti diretta a Lampedusa grazie alle 'soffiate' di un aereo maltese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le Forze armate di Malta hanno collaborato alla “deportazione” in Libia di 180 persone in fuga da violenze e guerra: a denunciarlo è Mediterranea Saving Humans, la rete di associazioni impegnate nei soccorsi in mare con la nave Mare Jonio. “Non chiari i dettagli, ma è evidente che ieri sera Forze aeree di Malta hanno collaborato a un’operazione di cattura e deportazione in Libia di 180 persone in fuga da violenze e guerra” si legge in un Tweet pubblicato oggi. “Non è questa l’Europa dei diritti e delle libertà“.

Il riferimento è a due vicende distinte, relative a imbarcazioni dirette a Lampedusa, intercettate dalla Guardia costiera libica. Secondo Beppe Caccia, capo missione della Mare Jonio, “sono state decisive per i libici le informazioni fornite da un aereo maltese, in un’ennesima gravissima violazione dei diritti umani e delle Convenzioni internazionali”. Ieri sera la nave di Mediterranea era diretta verso uno dei barconi, che stava puntando Lampedusa e si trovava a meno di 15 miglia della zona “Sar” maltese.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»