‘La mafia uccide solo d’estate’, anticipazioni seconda puntata

In onda il 3 maggio su Rai 1
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Seconda puntata questa sera per la stagione numero due de “La Mafia uccide solo d’estate”, in onda alle 21.25 su Rai 1. Dopo il successo della prima stagione la serie nata da un’idea di Pierfrancesco Diliberto (Pif), con protagonisti Claudio Gioè e Anna Foglietta, che è riuscita conquistare pubblico e critica grazie al suo modo originale e sarcastico di raccontare la mafia, torna sul piccolo schermo per fare divertire e riflettere il pubblico italiano. Nella prima puntata la famiglia Giammaresi ha deciso di restare a Palermo con il desiderio di vivere una vita all’insegna della normalità, ignara di ciò che sta per accadere.

Le anticipazioni

Angela (Angela Curri) ha un ritardo ed entra in crisi. I dubbi si rivelano presto una certezza quando la ragazza esegue il test di gravidanza e scopre così di esser incinta. Presa dal panico abortirà in un laboratorio clandestino. Nel frattempo Lorenzo Giammarresi (Claudio Gioè) è impegnato con il concorso alla Regione Siciliana. Sua compagna di studio sarà Marina Miccicchè (Claudia Gusmano), una donna che  presto inizierà ad occupare i pensieri di Lorenzo, suscitando le preoccupazioni di sua moglie Pia (Anna Foglietta).

Massimo (Francesco Scianna) continua invece la sua collaborazione con il boss Buscetta, che gli affida un’importante missione. Si innamora nel frattempo della bella Jolanda Rubino (Dajana Roncione) una cantante con la quale intesserà una relazione pericolosa.

 

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»