Siria, attacco di milizie armate a ospedali di Medici senza frontiere a Ghouta est

Il 29 aprile, circa 30 uomini armati e col volto coperto hanno fatto irruzione nell’ospedale Hazzeh
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Foto di ARCHIVIO @Medici Senza Frontiere

ROMA – Medici senza frontiere denuncia l’attacco, da parte di milizie armate, ad alcune strutture sanitarie supportate dall’Organizzazione. E’ successo il 29 aprile scorso, nella zona di Ghouta est.

Tali attacchi hanno causato la fine del supporto medico da parte di Msf.

I gruppi armati, secondo quanto hanno testimoniato gli operatori umanitari, “non hanno mostrato assolutamente alcuna considerazione per lo status di protezione di cui devono godere pazienti, strutture mediche e operatori sanitari. Il 29 aprile, circa 30 uomini armati e col volto coperto hanno fatto irruzione nell’ospedale Hazzeh per cercare specifici pazienti feriti e hanno sequestrato l’ambulanza dell’ospedale“.

L’appello lanciato dai responsabili

“Nessuna arma o persona armata può entrare all’interno delle strutture mediche. I pazienti devono essere considerati al di fuori del conflitto e tutte le parti devono prendere le giuste precauzioni per evitare attacchi diretti all’azione medica. Il trasporto di feriti e altri pazienti, indipendentemente dalla loro identità, e la libera circolazione delle ambulanze, devono essere consentiti e facilitati. Le strutture mediche, i loro beni, le attrezzature e le ambulanze non devono mai essere utilizzati per scopi militari. Quando necessaria- aggiungono ancora- l’evacuazione dei pazienti e dei medici in una zona più sicura deve essere garantita”.

Situazione analoga nel centro medico di Aftares ripetutamente bersagliato da proiettili. La zona rurale di Ghouta est, nei pressi di Damasco, è assediata dalle forze governative siriane fin dai primi mesi del 2013. Msf fornisce sostegno da remoto alla maggior parte delle strutture sanitarie della zona e ha costruito un forte legame con i medici, aiutandoli a mantenere uno spazio per fornire cure mediche imparziali, dando loro assistenza medica sia tecnica sia materiale.

“A nome dei medici che sosteniamo, Msf condanna fermamente l’incursione armata nelle strutture sanitarie da parte di persone col volto coperto, l’intimidazione degli operatori sanitari e il sequestro di un’ambulanza”, ha dichiarato Brice de le Vingne, direttore delle operazioni di Msf.

“Gli spazi medici sono protetti dal diritto internazionale e devono rimanere un luogo di umanità, trattando tutti – civili e non – esclusivamente sulla base dei loro bisogni medici. Faremo sentire la nostra voce per difendere la natura protetta di questi spazi e sottolineare la necessità di dare priorità alla salvaguardia dei pazienti e del personale medico”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»