Venezuela, opposizioni: “Se Maduro cambia la costituzione è golpe”

BOGOTA' - L’opposizione a Maduro, che rappresenta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


BOGOTA’ – L’opposizione a Maduro, che rappresenta la  maggioranza in Parlamento, ha denunciato il “colpo di Stato” che vuole attuare il Presidente venezuelano tramite una Assemblea nazionale costituente considerata illegale per cambiare la Costituzione e usurpando il potere popolare. Il vicepresidente del Parlamento, Freddy Guevara, ha accusato Maduro di non voler tenere conto della volonta’ dei cittadini, ricordando che la protesta dura ormai da un mese: “Nessuno è stanco- ha detto- Hanno ucciso gente, incarcerato i giovani ma le persone sono ancora per strada”.

Intanto ieri, durante le proteste nella regione di Carabobo, sono morti altri tre manifestanti, salgono cosi a 32 le vittime delle repressioni governative in Venezuela.

Anche il Dipartimento di Stato americano si e’ unito al coro dei paesi preoccupati per la situazione nel paese sudamericano: “Quello che il presidente Maduro sta cercando di fare è cambiare le regole del gioco”, ha dichiarato in una nota Michael Fitzpatrick, vicesegretario di Stato per gli affari dell’emisfero occidentale. “Le ultime azioni intraprese- ha aggiunto, stando alla stampa locale- ci forniscono nuove ragioni per prendere in considerazione ulteriori sanzioni individuali”.

di Silvio Mellara, giornalista

LEGGI ANCHE: In Venezuela Maduro vuole la riforma della Costituzione

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»