Coronavirus, pieni poteri a Orban: “I cronisti ungheresi sono in allarme”

"Mi aspetto che iper-zelanti esperti di estrema destra chiamino la polizia per farci arrestare", denuncia un reporter
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Alcuni giornali “tifano apertamente per il virus”: parola di Marton Bekes, storico e direttore di Kommentar Magazine, testata vicina al governo di Viktor Orban. La sua è una delle voci che in Ungheria, in giorni segnati dal conferimento di “pieni poteri” al primo ministro, stanno segnando un dibattito sull’informazione ai tempi del Covid-19.

L’INFORMAZIONE AL TEMPO DEL COVID E I PIENI POTERI DI ORBAN

Secondo Bekes, ospite dall’emittente HirTv, oggi si vive “una situazione di guerra” e i cronisti dovrebbero astenersi dal diffondere informazioni non corrette o che alimentano paura. Diversi, però, i reporter che denunciano rischi di altro tipo. “Mi aspetto che iper-zelanti esperti di estrema destra chiamino la polizia per farci arrestare” ha detto Szabolcs Panyi, del portale investigativo Direkt36.

Il conferimento parlamentare di nuovi poteri a Orban, che potrà legiferare senza il controllo dell’Orszaggyules e i contrappesi costituzionali, ha alimentato critiche anche a livello internazionale. Dopo un richiamo della Commissione europea, “profonda preoccupazione per il rischio di violazioni dei principi dello stato di diritto, della democrazia e dei diritti fondamentali” è stata espressa da 13 Paesi, dalla Germania all’Italia alla Francia.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»