VIDEO | Coronavirus, Sip: “Bambini possono uscire in particolari situazioni”

"Serve un'organizzazione per rispettare dei ritmi che possano essere di aiuto quando tutto riprendera' e sara' di nuovo normale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Si deve stare a casa ma, in particolari situazioni, e’ possibile uscire. Se c’e’ una famiglia con un solo genitore si puo’ andare a fare la spesa con il proprio figlio piccolo, rispettando sempre le misure del distanziamento sociale. Un bambino con il disturbo dello spettro autistico deve poter uscire di casa per una mezz’ora. In queste particolari situazioni e’ giusto uscire, altrimenti bisogna rimanere nella propria abitazione. Gli altri possono stare all’aria aperta utilizzando terrazze, balconi, giardini o cortili condominiali”. Lo spiega Alberto Villani, presidente della Societa’ italiana di pediatria (Sip), che su Rai 1, al programma ‘Diario di casa‘, spiega come gestire al meglio i bambini, in maniera serena, durante la giornata. “Serve un’organizzazione per rispettare dei ritmi che possano essere di aiuto quando tutto riprendera’ e sara’ di nuovo normale. Ci si sveglia come se si dovesse andare a scuola-conclude Villani e si rispettano gli orari. Questo puo’ essere di grande aiuto”. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, un cartoon lo spiega ai più piccoli

‘Diario di casa’, dal 20 marzo in tv il programma che spiega il Coronavirus ai bambini

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»