Coronavirus, Liberisti italiani: “Una riforma strutturale del fisco per la ripartenza”

Lo dice Andrea Bernaudo commentando l'intervento per le imprese annunciato dal governo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il governo utilizzi i fondi a disposizione per proporre a tutte le attivita’ produttive un patto fiscale per il passato e una riduzione della pressione per il futuro. Serve coraggio”. Cosi’ il presidente di Liberisti Italiani, Andrea Bernaudo, sull’intervento per le imprese annunciato dal governo. 

LEGGI ANCHE Conte: “Liquidità alle imprese, decreto in massimo tre giorni”

“Serve poi la semplificazione strutturale degli adempimenti e l’elimazione degli anticipi, con una riforma fiscale ampia e strutturale che l’Italia aspetta da 30 anni- continua- Servono un reset e una ripartenza. Con gli attuali tassi d’interesse (a zero), del resto, non bastano, seppur egualmente necessarie, le garanzie statali per facilitare l’accesso al credito da parte di partite iva e imprese. Ne’ si puo’ dire alle attivita’ produttive soltanto di indebitarsi. L’Italia non puo’ piu’ continuare ad essere lo Stato anti-impresa che e’ stato finora, con la pressione fiscale piu’ alta e infernale del mondo. Era necessario muoversi in tal senso molto prima, ma ora e’ una questione di vita o di morte di centinaia di migliaia di aziende e milioni di posti di lavoro”. 

“Tutti oggi- continua la nota del leader di Liberisti Italiani- devono stringersi intorno a imprenditori, professionisti e partite iva. Vanno superati gli steccati, le diffidenze e le contrapposizioni. Saranno i produttori di Pil a dover riaccendere i motori. Oggi siamo nelle mani di scienziati, medici e infermieri, ma per la ripartenza saremo nelle mani di imprese, ditte individuali, professionisti e partite Iva”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»