Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Morti due operai della linea ferroviaria Milano-Tortona

Stravano realizzando recinzione alla ferma di Pieve Emanuele
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Due operai di una ditta appaltatrice sono deceduti durante i lavori per la realizzazione di una recinzione nei pressi della fermata ferroviaria di Pieve Emanuele, fra Locate Triulzi e Villamaggiore. La circolazione lungo la linea Milano–Tortona è stata quindi sospesa dalle 12.05 per permettere i rilievi dell’autorità giudiziaria, in seguito all’incidente le cui cause sono in corso di accertamento. Rete ferroviaria italiana esprime il proprio cordoglio e la propria vicinanza ai familiari.

La notizia dei due uomini morti a Pieve Emanuele, durante il lavoro in un cantiere ferroviario “è gravissima e ci riempie di tristezza. Esprimo la vicinanza e il cordoglio del M5S alle famiglie delle vittime”, afferma Gregorio Mammì, consigliere regionale del M5S Lombardia. “Le morti bianche sono una piaga che va combattuta con la prevenzione e con una puntuale attività normativa che fino ad oggi non ha avuto il giusto spazio all’interno della commissione Sanità di Regione di cui faccio parte. Quando accadono queste tragedie, oltre ad esprimere vicinanza alle famiglia, va fatta immediata chiarezza a dimostrazione che le Istituzioni riescono a dare immediate risposte ai cittadini”, aggiunge il pentastellato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»