Milano, devastata sede istituto resistenza. Fiano (Pd): “Stanno rialzando la testa”

A lanciare l'allarme su facebook è il deputato dem Emanuele Fiano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Stanno rialzando la testa. Prima l’incendio al Circolo Pd della Barona, poi la rievocazione nazista a Cologno Monzese, adesso l’ennesimo assalto all’Istituto pedagogico della resistenza in Primaticcio a Milano“. Lo scrive su facebook Emanuele Fiano, deputato Pd, che ha condiviso la denuncia dell’Istituto arrivata via Fb. Sul sito dell’Ipr infatti si legge: “È successo di nuovo. Abbiamo trovato la nostra sede devastata, di nuovo. Non sappiamo
ad opera di chi… si fa per dire. Ma certe sono le migliaia di euro di danni, le porte divelte, la finestra rotta, gli armadi danneggiati pesantemente, i documenti, a lungo riordinati,
buttati all’aria. Per noi si tratta di un fatto molto grave, nonostante l’allarme, questi ‘ignoti’ si sono introdotti dall’atrio, costeggiando le aree allarmate e portando via ‘poco’
rispetto al danno”.
“Visto il clima d’odio, violenza che si va fomentando e vista la vicinanza con il 25 Aprile, festa della Liberazione dal Fascismo e dal Nazismo- sottolinea Il Consiglio Direttivo dell’Ipr-, non ci stupisce questo atto vile e pusillanime. Siamo, purtroppo, abituati a questi codardi senza volto, persone prive di umanita’ al punto da prendersela con una realta’, come la
nostra, che si sostiene sul solo impegno di volontari”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»