Boldrini: “Per l’autismo dobbiamo fare di più” VIDEO

"Noi abbiamo fatto dei provvedimenti, per la prima volta si è fatta una norma sull'autismo. Adesso si tratta di riuscire a far sì che le risorse arrivino a destinazione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il messaggio che voglio inviare” nella giornata mondiale sull’autismo è che “dobbiamo fare di più per questa malattia”. Lo ha detto ieri la presidente della Camera, Laura Boldrini, parlando a margine degli incontri previsti da ‘Montecitorio a porte aperte’.


“Nella legislatura attuale noi abbiamo fatto dei provvedimenti, per la prima volta si è fatta una norma sull’autismo e questo sicuramente è stato un passaggio importante- ha spiegato Boldrini- adesso si tratta di riuscire a far sì che le risorse che sono state stanziate possano arrivare veramente a destinazione perché a oggi le famiglie non hanno ancora colto i benefici di questa legge“.

Ieri sera la facciata di Montecitorio è stata illuminata di blu perché è “importante aderire anche a campagne come questa”. Ma “il nostro impegno deve continuare nell’ottica di fare in modo che questi fondi si sblocchino e arrivino a migliorare la condizione dei malati e delle famiglie che a volte si sentono molto sole”, ha poi detto la presidente della Camera.

Boldrini ha ricordato “il provvedimento sul ‘Dopo di noi’ che era molto atteso dalle famiglie di persone disabili: anche qui c’è un problema di risorse e perciò è fondamentale riuscire a fare in modo che i fondi stanziati arrivino a chi di dovere perché queste persone abbiano una vita meno difficile e meno piena di ostacoli”, ha concluso.

LEGGI ANCHE Disabilità, ‘Dopo di noi’ è legge: passa alla Camera 312 si’, 64 no e 26 astenuti

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»