L’Sos di Nardella: tagli insostenibili per Firenze, devo alzare tasse. Ora asse con Marino e De Magistris

Firenze 26 milioni, il "taglio più grande di tutta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

nardella1Firenze 26 milioni, il “taglio più grande di tutta Italia. Stiamo parlando del 23% del bilancio”. Roma 87 milioni e Napoli 65, “insopportabile” anche per loro. Questo l’allarme lanciato oggi da Dario Nardella, sindaco della Città metropolitana di Firenze, a proposito della riduzione del fondo perequativo agli enti locali presentato nella Conferenza Stato-Città del 31 marzo.

Nardella ha annunciato che su questo tema vuole creare una cabina di regia con Ignazio Marino e Luigi De Magistris, in modo da fronteggiare “un taglio molto difficile da sostenere, come mai si è visto nella storia degli enti locali”. Si parla della sforbiciata da 2,2 miliardi di euro, già fissata nell’ultima legge di stabilità, che complessivamente storna dalle casse delle Città metropolitane 256 milioni di euro. Nel pomeriggio, ha così chiarito il sindaco di Firenze,  “avremo un colloquio in call conference coi sindaci di Roma e Napoli per studiare una strategia che possa salvaguardare queste tre città metropolitane. Mi auguro che fino a quando ci sarà qualche margine, i tecnici del governo e l’Anci arrivino ad una soluzione più sostenibile”.

“Finalmente nessuno più dirà che Firenze viene aiutata- ha concluso Nardella- mi auguro che fino a quando ci sarà qualche margine, i tecnici del governo e l’Anci arrivino ad una soluzione più sostenibile. Il taglio da 26 milioni di euro alla Città metropolitana di Firenze ci porterà altrimenti a mettere le mani sulla pressione fiscale a livello metropolitano e territoriale”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»