hamburger menu

Il Nettuno d’oro a Gianni Morandi, show in Comune a Bologna

Il sindaco di Bologna ha consegnato a Gianni Morandi il Nettuno d'oro: "È un pezzo di storia d'Italia e una delle più belle espressioni della nostra terra"

gianni morandi_nettuno d'oro

BOLOGNA – Non poteva essere altrimenti: Gianni Morandi trasforma il conferimento del Nettuno d’oro del Comune di Bologna in uno show, mandando in soffitta l’atmosfera compassata che di solito accompagna le cerimonie a Palazzo D’Accursio. “Sono grato alla Giunta e al sindaco per questo riconoscimento importante. Mi sono letto la lista di tutti i Nettuno d’oro precedenti e ci sono nomi straordinari“, afferma il cantante bolognese superando l’evidente commozione.

LEGGI ANCHE: Gianni Morandi canta “‘C’era un ragazzo…’” alla manifestazione per la pace in Ucraina

La decisione di conferirgli il Nettuno era stata annunciata dal sindaco Matteo Lepore dopo il terzo posto all’ultimo Sanremo. “Morandi è, contemporaneamente, un pezzo di storia d’Italia e una delle più belle espressioni della nostra terra, capace di unire alla determinazione propria dei grandi artisti una umiltà e generosità rare. Un artista poliedrico dotato di grande umanità, straordinaria capacità empatica e impagabile propensione al sorriso, alla accoglienza, all’inclusione”, recitano le motivazioni del premio lette da Elena Di Gioia, delegata alla Cultura.

In Cappella Farnese il primo cittadino arriva puntualissimo, a Morandi è già lì che chiacchiera con una persona dopo l’altra. Lepore fa gli onori di casa elogiando “una delle figure più importanti della musica e della cultura italiana”, Morandi ringrazia e parla del suo rapporto con Bologna e dell’amicizia con Lucio Dalla. Poi con un fuori programma chiama al microfono il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, prima di passare alla musica. Lui alla chitarra e alla fisarmonica il maestro Davio Vanelli, 95 anni, con cui iniziò a cantare da ragazzino: un po’ di Filuzzi, poi “La fisarmonica” e “C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones”, bis del messaggio contro la guerra in Ucraina già lanciato poche sere fa da piazza Maggiore.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-03-03T15:45:25+02:00