Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Coronavirus, i casi di Pomezia legati al concerto dei Jonas Brothers al forum di Assago

A renderlo noto è lo stesso istituto Spallanzani di Roma, al termine delle indagini epidemiologiche sulla famiglia del poliziotto di Pomezia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sarebbe il concerto dei Jonas Brothers al forum di Assago dello scorso 14 febbraio il collegamento tra i casi di coronavirus a Pomezia ed il focolaio in Lombardia. A renderlo noto è lo stesso istituto Spallanzani di Roma, al termine delle indagini epidemiologiche sulla famiglia del poliziotto di Pomezia, in servizio presso la caserma di Spinaceto.

“La Regione Lazio- scrive in una nota il comune di Pomezia- informa di nessun focolaio autoctono, nessun positivo residente a Roma. L’indagine epidemiologica effettuata sui casi di Pomeziaevidenzia un link epidemiologico con l’evento del 14 febbraio al Forum di Assago. La sequenza temporale dell’esordio dei sintomi e l’analisi sierologica depongono per contatto non autoctono ma derivante dalla Lombardia. Il contact racing nel quale vengono riportati nel dettaglio contatti, trasporti e soggiorni e’ stato immediatamente messo a disposizione del Ministero della Salute, come da protocollo. Si conferma pertanto che ad oggi non ci sono focolai nel territorio della regione Lazio e non ci sono cittadini residenti a Roma positivi al Covid-19″.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»