Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Disabilità. Contributi contro barriere architettoniche

REGGIO CALABRIA - La Regione ha avviato le procedure per
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

bambini_disabili_parcoREGGIO CALABRIA – La Regione ha avviato le procedure per la erogazione dei contributi per il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati. In questo modo il Dipartimento Infrastrutture dà seguito alla decisione della Giunta, assunta su proposta dell’Assessore al Bilancio, di destinare, per questa finalità, risorse pari a cinque milioni di euro sul bilancio regionale 2016. Grazie a questi contributi, sarà possibile intervenire sugli immobili per rimuovere gli ostacoli alla mobilità degli inquilini portatori di disabilità.

   I fondi – informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta – saranno utilizzati per soddisfare le richieste pervenute dai comuni nelle annualità 2011-2015 e le nuove richieste relative all’annualità 2016. I comuni che hanno già prodotto domanda di contributo sono duecentoventinove. Le risorse saranno assegnate, sempre che permangano le condizioni che hanno motivato la richiesta.
   In sostanza, il beneficiario per il quale è stato richiesto il contributo deve mantenere i requisiti previsti dalla legge 13/1989, che regola questo tipo di contributi. Intanto, è possibile, dal primo marzo scorso, fare domanda per contributi relativi all’annualità 2016. Le domande potranno essere inoltrate fino al trentuno  marzo prossimo. Indicazioni su come procedere sono state inviate a tutti i comuni interessati e sono disponibili sul sito del Dipartimento Infrastrutture.
   Soddisfazione per il risultato è stata espressa dall’Assessore alle Infrastrutture Roberto Musmanno: “Dopo quattro anni in cui nessun finanziamento era stato destinato alla legge 13/1989, finalmente, molte delle richieste pervenute dai comuni negli scorsi anni, potranno essere soddisfatte. È il segnale di una doverosa attenzione della Giunta, sia pure in condizioni di scarsità finanziaria, nei confronti dei diritti alla mobilità delle persone con disabilità

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»