Bilancio. Presentato progetto CO.R.A.P., stanza di compensazione tra Regione ed Enti Locali

PESCARA - Il progetto CO.R.A.P. (Conciliazione Residui Attivi e
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

regione abruzzoPESCARA – Il progetto CO.R.A.P. (Conciliazione Residui Attivi e Passivi tra Regione Abruzzo ed enti locali) è stato presentato questa mattina all’Aquila, dall’assessore al Bilancio, Silvio Paolucci e dal direttore del Dipartimento Risorse e Organizzazione, Ebron D’Aristotile. Presenti all’incontro i rappresentanti delle quattro provincie e delle città capoluogo abruzzesi.

   L’iniziativa rientra nell’ambito di un ampio percorso finalizzato a promuovere una sorta di “stanza di compensazione” tra enti locali e Regione sulle posizioni debitorie regionali (residui passivi) con quelle creditorie degli enti locali (residui attivi). Secondo l’assessore al bilancio, il progetto CO.R.A.P. si propone di ricostruire in modo analitico, anche con l’assistenza delle strutture regionali interessate, ogni singolo intervento o contributo concesso dalla Regione, verificandone lo stato di attuazione, i tempi di lavorazione e le eventuali economie prodotte. Tutto ciò mediante l’utilizzo di una piattaforma informatica, realizzata in proprio dalla Regione, che consente ad ogni singola amministrazione di monitorare i flussi di finanziamento ricostruendo tutte le fasi che ne hanno determinato i relativi atti amministrativi.
   Secondo Paolucci “Si tratta di un progetto sperimentale di particolare rilevanza che sarà messo a disposizione di tutte le amministrazioni locali della regione e portato a regime per una gestione condivisa e virtuosa delle informazioni”.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»