Ambiente. Emiliano: “Commissariamento OGA in vista della nuova legge sul ciclo dei rifiuti”

BRINDISI - Il presidente Michele Emiliano, nel corso della Giunta territoriale in
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

emilianoBRINDISI – Il presidente Michele Emiliano, nel corso della Giunta territoriale in corso ieri a Brindisi è intervenuto sul tema del ciclo rifiuti: “La Puglia non ha impianti sufficienti per consentire a tutti i comuni di fare la raccolta differenziata e il conferimento dell’umido. Non abbiamo ancora le strutture necessarie a valorizzare il rifiuto secco e umido in modo tale da abbattere i costi dei Comuni. Troppo spesso la cattiva qualità degli impianti esistenti e la cattiva manutenzione delle discariche provoca emergenze che non possono essere superate senza una adeguata programmazione. Sono stanco di fare ordinanze che senza risolvere definitivamente i problemi si limitano a superare contingenze che si sarebbero potute evitare”.
Abbiamo ritenuto – ha detto il presidente – che la strategia del ciclo dei rifiuti prevista dalla precedente legge abbia completamente fallito. Non ha funzionato al punto che gli stessi sindaci – che avevano in mano la strategia per strutturare l’impiantistica per la gestione del ciclo dei rifiuti – hanno ammesso che questa ingegnerizzazione finiva per favorire pochi privati che, per quanto utili, non possono agire in una posizione privilegiata. La perenne gestione dell’emergenza non manda a regime il sistema. Quindi possiamo sicuramente annunciare che commissarieremo tutte le OGA della Puglia (OGA, Organo di Governo d’Ambito – Ambito Territoriale Ottimale rifiuti): ci metterò ancora una volta la faccia, in qualità di commissario, e i miei sub commissari saranno alcuni sindaci delle OGA. Daremo vita, inoltre, ad un processo partecipativo per ridisegnare la legge regionale sul ciclo dei rifiuti”.
Perché noi il ciclo lo dobbiamo chiudere – ha aggiunto Emiliano – dobbiamo evidentemente avere un’impiantistica pubblica, che ci consenta di attuare procedure corrette e trasparenti e non arricchire sempre i soliti nomi. Sarà un’operazione complessa, perché quando tocchi problemi come la sanità, il carbone, il ciclo dei rifiuti si entra in ambiti dove ruotano miliardi di euro. Io e la mia giunta siamo solo dieci persone, dotate di notevole indipendenza, e l’unica cosa che può darci forza è il processo politico intelligente, competente e condiviso. Ecco il motivo per il quale siamo qui.  Perché annunciamo e facciamo le cose ascoltando chi vive nei territori. Devo dire che la vicenda del commissariamento del ciclo dei rifiuti di Brindisi, che sto faticosamente affrontando a causa delle indagini della Magistratura con la quale stiamo collaborando, ha ispirato e ispirerà fortemente la nuova legge regionale pugliese sul ciclo dei rifiuti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»