Fondi Ue. Sabato a Pescara confronto su sviluppo sostenibile

PESCARA - L'idea di uno sviluppo sostenibile guardando
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Palazzo_Silone_abruzzo_2

PESCARA – L’idea di uno sviluppo sostenibile guardando alla nuova programmazione europea 2014-2020. È il senso dell’evento, “L’Abruzzo: dal territorio all’industria. Un’idea sostenibile”, che l’assessorato allo Sviluppo economico della Regione ha organizzato sabato 5 marzo a Pescara, con inizio alle ore 10, presso la sala conferenza della Fater, l’azienda pescarese premiata più volte per i risultati raggiunti nell’innovazione e nel rispetto dell’ambiente.

   Per la prima volta la Regione Abruzzo chiama al tavolo del confronto le aziende abruzzesi e nazionali per concordare con loro un percorso in grado di disegnare un modello di crescita che sia sostenibile e che guardi con attenzione all’innovazione tecnologica e alla ricerca. 
   “Il passaggio è decisivo – spiega il vicepresidente della Giunta regionale Giovanni Lolli – perché sappiamo benissimo che il successo e la buona riuscita degli investimenti per i prossimi anni passeranno per l’innovazione tecnologica e la ricerca. E allora con le aziende vogliamo redigere una Carta che funga da modello di crescita sostenibile cui far riferimento nei bandi europei di programmazione dei fondi strutturali. Qualcosa abbiamo fatto in coda con la vecchia programmazione, ora vogliamo mettere a sistema una possibilità che potrebbe spingere aziende nazionali ad investire in Abruzzo proprio per la specificità che potremmo riservare alla ricerca e all’innovazione tecnologica”.
   L’appuntamento di sabato a Pescara avrà una doppia veste: una prima sessione per così dire pubblica nella quale le 200 aziende invitate prenderanno parte al dibattito che prevede gli interventi del presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso, del vicepresidente, Giovanni Lolli, i contributi di Piero Tansella, direttore generale della Fater, Cinthia Bianconi, presidente della Fondazione Olivetti, Giuseppe Ranalli, presidente della Tecnomatic e Luigi Nigri, direttore generale delle politiche regionali della Commissione europea; ed una seconda sessione pomeridiana nel corso della quale saranno allestiti tavoli tematici di confronto tra aziende e istituzioni politiche, universitarie e poli di innovazione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»