Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cultura. Torrenti incontra Isig e Icm su nuovi progetti

TRIESTE - L'assessore regionale alla Cultura del Friuli Venezia Giulia, Gianni Torrenti,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Gianni-Torrenti_640TRIESTE – L’assessore regionale alla Cultura del Friuli Venezia Giulia, Gianni Torrenti, ha visitato nei giorni scorsi le sedi dell’Istituto per gli Incontri culturali mitteleuropei (Icm) e dell’Istituto di sociologia internazionale (Isig) di Gorizia. Durante l’incontro con i dirigenti dei due enti e i ricercatori dell’Isig sono state gettate le basi per una sempre maggiore collaborazione tra la Regione e le due realtà culturali isontine.
In particolare, Isig e Icm propongono il progetto denominato “Laboratorio per l’integrazione del sistema culturale dell’Isontino”, che mira a creare una piattaforma per la programmazione culturale dell’area a partire dal 2017. In questa prospettiva, considerata la compagine associativa di Isig (Comune di Gorizia, Provincia di Gorizia, Cciaa di Gorizia e Fondazione Carigo), Torrenti si è reso disponibile a discutere di nuove possibili sinergie per l’Isontino, proprio a partire dal ruolo di Isig e Icm.
La visita dell’assessore alla Cultura, accompagnato dal consigliere regionale Diego Moretti, è stata anche l’occasione per il presidente Icm, Fulvio Salimbeni, e il suo vice, Nicolr Fornasir, di illustrare il programma delle celebrazioni per il 500 anniversario dell’Istituto. Oltre a una mostra celebrativa, in programma tra aprile e maggio, l’Icm organizzerà anche un convegno su “La cultura mitteleuropea nel futuro europeo”.
Con i dirigenti dell’Isig, tra i quali erano presenti il presidente Roberto Collini e il direttore Daniele Del Bianco, sono state invece discusse le possibili iniziative nel campo della ricerca sociale e della progettazione europea, ponendo in particolare luce il ruolo di Isig a supporto dei Comuni dell’Isontino e delle associazioni culturali del territorio.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»