Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nevica? Il sindaco “marciatore” parte lo stesso. Destinazione Renzi

BOLOGNA - Nevica sul serio a Monzuno, ci sono già
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

monzuno_neve
BOLOGNA – Nevica sul serio a Monzuno, ci sono già 20 centimetri di neve. Ma Marco Mastacchi domani parte lo stesso per il suo ‘pellegrinaggio’ di protesta fino a Roma. “Partire oggi sarebbe stato impossibile; va bene essere folli, però a tutto c’è un limite. Comunque- dice il primo cittadino di Monzuno parlando alla ‘Dire’- ho visto che domani c’è una ‘finestra’ di bel tempo, quindi si va”. Mastacchi è il sindaco di un paese dell’Appennino bolognese -Monzuno appunto- che nei giorni scorsi ha annunciato una battagliera “marcia” fino a Roma per andare a riferire direttamente al premier Matteo Renzi la sua impossibilità, ormai, di gestire (bene) il Comune con i troppi tagli praticati dal Governo.

Ecco dunque il programma di domani: partenza alle 8.30 di mattina, e prima tappa sul ‘dirimpettaio’ Comune di Monghidoro, scendendo prima nella valle della Lungosavena per poi risalire sull’altro crinale, quello della Futa. Non male per ‘sgranchirsi’. A Monghidoro avrà un incontro con i suoi colleghi per raccogliere le prime segnalazioni degli effetti dei tagli ai piccoli Comuni operati dal Governo; ovvero, appunto, la ragione del suo viaggio: denunciare che “la situazione non è più sostenibile: i Comuni non hanno più i soldi ma intanto la spesa pubblica statale continua ad aumentare”, come ha detto annunciando la decisione di farsi a piedi 400 chilometri fino a Roma per bussare alla porta del premier Renzi e consegnargli un dossier sui Comuni che non ce la fanno più. Durante il tragitto, ogni municipio che attraverserà organizzerà un incontro con i primi cittadini della zona per fornire ‘materiale’ a Mastacchi il quale, ogni giorno, invierà un resoconto al presidente del Consiglio via mail.

Dopo Monghidoro il cammino riprenderà subito con tappa e pernottamento a Firenzuola, paese al confine tra Emilia-Romagna e Toscana. E proprio in Toscana si preparano per accogliere Mastacchi: l’Unione dei Comuni montani ha scritto ai sindaci chiedendo di “dare rilievo” e “partecipare numerosi per sensibilizzare su un tema che tocca tutti da vicino e dar voce alla nostra preoccupante condizione”. E, in Toscana, ad esempio il Comune di Londa sta già preparando per Mastacchi una cerimonia di accoglienza per domenica prossima, quando è atteso il suo arrivo: alle 16 ad attenderlo ci saranno il primo cittadino locale, i consiglieri comunali, i vertici di Uncem toscana, Oreste Giuliani. Mastacchi ascolterà nella sala del Consiglio municipale le rimostranze degli amministratori locali verso Roma.

mastacchi_ufficioLa sua iniziativa, nel bolognese, è piaciuta alla collega Elena Torri, sindaco di Centro democratico a Lizzano in Belvedere (“Pur sostenendo il governo Renzi, io sottoscrivo la protesta di Mastacchi: I piccoli Comuni non ce la fanno più”) e ha incassato un like dal renziano Stefano Sermenghi, sindaco di Castenaso. Altri? Poca roba, segnala Mastacchi: “Nel bolognese i sindaci del Pd diciamo che sono rimasti tiepidini, freddini rispetto a questa mia iniziativa“. Piace invece all’associazione nazionale dei piccoli Comuni, che il 12 marzo si riunirà a Volterra e ha deciso di creare un videocollegamento con Mastacchi per farsi raccontare ‘in diretta’ come va la sua impresa e cosa stanno raccontando i sindaci che via via incontra nelle 28 tappe del suo viaggio. E tra l’altro i sindaci dei piccoli comuni si affiancheranno a Mastacchi nell’ultima tappa verso Roma. E col premier, c’è già un appuntamento? “Con lui ancora no”, dice Mastacchi prima di rimettersi al lavoro coi bagagli.

di Mattia Cecchini, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»