Ponte sullo stretto, Renzi: “Si farà. Ma prima strade in Sicilia e Calabria”

Il Ponte sullo stretto "ci sara' sicuramente. Prima pero' dobbiamo finire le opere incompiute"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ponte stretto

ROMA –  “Basta col derby tra chi dice si’ e no al Ponte sulle Stretto. Il Ponte sullo stretto ci sara’ sicuramente. Prima pero’ dobbiamo finire le opere incompiute. A quel punto si potra’ parlare del ponte, che non potra’ essere pero’ solo per le macchine ma anche per i treni“. Cosi’ il presidente del consiglio Matteo Renzi, intervistato dal direttore di Isoradio Danilo Scarrone, a proposito del ponte sullo stretto di Messina.

Renzi aggiunge: “Sul Ponte sullo Stretto si e’ giocato un derby ideologico tra fautori e detrattori privo di aderenza alla realta’. Io dico: iniziamo a mettere a posto le strade in Sicilia perche’ abbiamo avuto un crollo di viadotti al mese, per colpa dei lavori fatti coi piedi negli anni ’60 e ’70. In Sicilia vanno rimesse a posto le strade, le ferrovie. Se non riusciamo a unire Catania con Palermo di che parliamo? E questo vale anche per la Calabria che deve finire le opere incompiute”. Quanto al Ponte, “in prospettiva- dice Renzi- io non ho niente contro. Lo ritengo una cosa che potra’ essere utile. Importante e’ capire i costi e la tempistica. E poi quando ci sara’ il Ponte sullo Stretto dovra’ essere anche per i treni. Dovra’ essere un pezzo dell’alta velocita’ del paese”. In sintesi, spiega Renzi, “sicuramente il ponte verra’ fatto. Sicuramente si’, ma primum vivere deinde philosophari“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»