Francesco, senzatetto di Bologna: “Siamo esseri umani, il Comune ci aiuti”

francesco senzatetto bologna
Approfittando dell'iniziativa "Camper che ascolta", l'uomo senza fissa dimora racconta che sta aspettando da cinque mesi la residenza fittizia, e si offre per fare lavoretti in cambio di un tetto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Caro Comune…”, ripete più volte Francesco. È uno dei senzatetto che si radunano tutti i giorni in piazza di porta Castiglione, a Bologna, davanti all’ingresso dei giardini Margherita. Oggi ha approfittato di una conferenza stampa convocata dai promotori del “Camper che ascolta” per rivolgere all’amministrazione comunale tre richieste concrete: la possibilità di dormire al coperto in cambio di lavori di manutenzione sulle stesse strutture comunali, abbonamenti gratuiti per non prendere le multe sui bus e tempi più rapidi per la concessione della residenza fittizia.

Francesco racconta di essere arrivato a Bologna da Trapani due anni e mezzo fa, dopo aver perso l’ultimo lavoro in una paninoteca mobile. “Vivo per strada e voglio delle risposte dal Comune– dice- soprattutto per il documento”. Ovvero per la residenza fittizia in via Mariano Tuccella che l’amministrazione mette a disposizione dei senza dimora per poter accedere ai servizi. “Sono cinque mesi che aspetto ma non ho nessuna risposta”, racconta Francesco, chiedendo di “sollecitate le cose un po’ di più, perché siamo tutti essere umani e abbiamo diritto ad un documento”. L’appello al Comune, poi, continua così: “Noi siamo dei senza tetto e quindi se avete delle case, delle strutture, noi facciamo dei lavoretti, ristrutturiamo tutto però senza volere niente in cambio, non vogliamo soldi: basta che abbiamo un tetto“.

L’ultima richiesta: “Se potete aiutateci a fare un abbonamento, perché fa freddo e per andare a mangiare e a dormire devi prendere sempre un bus e fanno sempre le multe”, spiega Francesco. Succede per gli spostamenti, ma anche quando chi non ha casa passa la notte sui bus per stare più al caldo. Ma “avendo tutte queste multe accumulate”, continua Francesco, “quando uno trova un lavoro e ti mettono in regola, praticamente lavori gratis perché si prende tutto Tper”.

Francesco parla per sé, ma anche per chi come lui passa le giornate in porta Castiglione, spesso con problemi di alcolismo. “Alcuni l’hanno presa come un’abitudine, come uno stile di vita- racconta Francesco- ma alcuni vogliono rialzarsi. Quindi, caro Comune, se ci aiuti ci fai un piacere”.

LEGGI ANCHE: Medici no vax a Bologna. L’Ordine: valutiamo provvedimenti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»