Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Toti: “Esecutivo Draghi mi piacerebbe moltissimo. Opzione voto poco percorribile”

giovanni toti
"Sarebbe un modello tedesco di grande maturità per la classe politica italiana", dice il presidente della Regione Liguria e leader di Cambiamo!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – “Un governo non tecnico, ma di alto profilo politico mi piacerebbe moltissimo, sarebbe un modello tedesco di grande maturità per la classe politica italiana. Dopodiché, non so se è l’idea di Draghi, se sarà il mandato di Mattarella e se i leader politici daranno disponibilità”. Così il presidente della Regione Liguria e leader di Cambiamo!, Giovanni Toti, a “L’aria che tira” su La7.

LEGGI ANCHE: Numeri e totonomi del Governo Draghi, il dubbio: quanta politica?

MATTARELLA È STATO CHIARO, VOTO POCO PERCORRIBILE

“Ieri sera il presidente della Repubblica è stato piuttosto chiaro: l’opzione del voto è poco percorribile in questo momento del Paese, cosa che peraltro avevamo suggerito anche noi alle riunioni di coalizione di centrodestra”.

“In queste ore ho sentito da Salvini dichiarazioni di prudente attenzione- aggiunge il governatore- è evidente che la Lega aveva un’opzione diversa e un uomo dell’Europa così incardinato nell’establishment può destare qualche perplessità in un’anima del Carroccio, ma non mi sembra ci sia un rifiuto preventivo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»