hamburger menu

Archiviazione nell’inchiesta sul depistaggio per pm che indagarono sulla morte di Borsellino

"Cane non mangia cane" è stato il commento furioso della figlia del magistrato ucciso nella strage di via D'Amelio il 19 luglio 1991

Pubblicato:03-02-2021 12:52
Ultimo aggiornamento:03-02-2021 12:54
Canale: Sicilia
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

PALERMO – Archiviazione per gli ex pm di Caltanissetta Carmelo Petralia e Annamaria Palma nell’inchiesta sul depistaggio nelle indagini riguardanti la strage di via D’Amelio del 19 luglio 1991 e la figlia di Paolo Borsellino, Fiammetta, sbotta: “È tutto coerente – dice a ‘Repubblica-Palermo’ – in linea col principio che ‘cane non mangia cane’. Chi ha lavorato male, permettendo che certe nefandezze accadessero, non farà i conti con la giustizia ma non potra’ sfuggire ai conti con la propria coscienza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2021-02-03T12:54:52+02:00