Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Al via consultazioni di Draghi con i partiti, Conte: “Auspico governo politico”

giuseppe conte
Le prime parole del premier incaricato: "Vincere la pandemia e rilanciare il Paese sono le sfide abbiamo di fronte, cosi' come l'utilizzo delle risorse europee avendo uno sguardo alle giovani generazioni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Articolo aggiornato al 4 febbraio 2021

ROMA – Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito a Mario Draghi l’incarico di formare il governo. L’ex presidente della Bce ha accettatto con riserva e oggi avvierà le consultazioni con i partiti politici per la creazione del nuovo esecutivo.

Il presidente incaricato ha svolto nel pomeriggio di ieri gli incontri di rito con i presidente di Camera e Senato, oltre ad un lungo colloquio con Giuseppe Conte a Palazzo Chigi. Stando a quanto appreso dall’agenzia Dire, per l’ormai ex presidente del consiglio potrebbe esserci un ruolo di rilievo nell’esecutivo Draghi.

LEGGI ANCHE: Governo, in campo ipotesi Conte ministro degli esteri o vice di Draghi

Il premier incaricato, infatti, dovrà subito cercare una convergenza tra i partiti per avere una maggioranza in parlamento. Al momento, solo il blocco centrista si è espresso per un sostegno pieno, mentre le altre forze politiche sono divise. Il Partito Democratico prova a rinsaldare l’alleanza con M5s e Leu, e l’ingresso dell’ex premier nel nuovo esecutivo sarebbe funzionale a garantire la compattezza dei giallorossi. Spaccato il centrodestra, con la Lega che cerca una mediazione tra l’apertura di Forza Italia e il no di Giorgia Meloni.

CONTE: “AUSPICO GOVERNO POLITICO”

“Auspico un governo politico che sia forte e che abbia la sufficiente coesione per potere operare scelte politiche non tecniche”, ha detto il presidente del Consiglio dimissionario Giuseppe Conte.

Le dichiarazioni di Giuseppe Conte en plein air, di fronte a Palazzo Chigi

“Qualcuno mi descrive come un ostacolo alla formazione di una nuova esperienza di governo. Evidentemente non mi conosce o è in malafede. I sabotatori cerchiamoli altrove. Io ho sempre lavorato per il bene del paese e per la formazione di un nuovo governo”.

“Agli amici del Movimento io dico: Io ci sono e ci sarò”, ha aggiunto Conte. “Agli amici del Pd e di Leu dico dobbiamo lavorare tutti insieme perchè il nostro progetto politico che ho sintetizzato nella formula ‘Alleanza per lo sviluppo sostenibile’ è un progetto forte, concreto, che aveva già inizito a dare buoni frutti. Dobbiamo continuare a perseguirlo perchè offre una prospettiva reale di modernizzare finalmente il nostro Paese nel segno della transizione energetica, digitale e nella inclusione sociale”.

LEGGI ANCHE: Numeri e totonomi del Governo Draghi, il dubbio: quanta politica?

DRAGHI: “ORA CONSULTAZIONI, FIDUCIOSO CHE EMERGA UNITA’

“Con grande rispetto mi rivolgero’ al parlamento, espressione della sovranita’ popolare. Sciogliero’ la riserva al termine delle consultazioni” ma “sono fiducioso che emerga unità”. Con queste parole il premier incaricato Mario Draghi annuncia di aver accettato con riserva l’incarico di formare un governo conferitogli dal presidente Mattarella.

“E’ un momento difficile- aggiunge Draghi- il presidente ha ricordato la drammatica crisi sanitaria coi suoi gravi effetti sulla vita delle persone, sull’economia, sulla società. La consapevolezza dell’emergenza richiede risposte all’altezza della situazione ed e’ con questa speranza e questo impegno che rispondo positivamente all’appello del presidente della Repubblica”.

Vincere la pandemia e rilanciare il Paese sono le sfide abbiamo di fronte, cosi’ come l’utilizzo delle risorse europee avendo uno sguardo alle giovani generazioni. Con grande rispetto- annuncia- mi rivolgero’ al Parlamento, espressione della volonta’ popolare e sono fiducioso che dal confronto con i partiti e il dialogo con le forze sociali emerga unita’ e con essa la capacita’ di dare una risposta all’appello del Presidente della Repubblica. Sciogliero’ la riserva al termine delle consultazioni”.

M5S E LEU VERSO IL NO, PD ASPETTA E CENTRODESTRA SPACCATO

Netta chiusura da parte del Movimento 5 Stelle, che ha subito ribadito la sua posizione contraria ad un governo che non sia “politico” e “guidato da Giuseppe Conte”. L’uscita di Emilio Carelli di ieri pomeriggio, però, potrebbe aprire la strada ad una pattuglia di parlamentari pentastellati disposti a votare la fiducia all’ex presidente della Bce. La posizione espressa da Crimi ai parlamentari è comunque netta: “Renzi voleva spaccarci, non diamogli questa soddisfazione.

LEGGI ANCHE: Crimi: “No al governo tecnico, noi ancora determinanti. E a Renzi…”

LEGGI ANCHE: Governo, Di Battista cita Cossiga: “Draghi svenderà l’Italia”

LEGGI ANCHE: Taverna: “No del M5s a Draghi, unica strada le elezioni”

Il Partito Democratico vuole provare a salvare la nuova alleanza di centrosinistra e lancia un appello a M5s e Leu, invitando gli ex alleati ad una riunione congiunta. Per Franceschini è necessario restare uniti ed evitare “che le chiavi per accendere o spegnere il motore siano in mano alla destra, che avrebbe l’ultima parola per decidere quando andare a votare”. Sulla stessa linea il vicesegretario Orlando che, dopo aver più volte ripetuto che il Pd non voterà un esecutivo insieme alle forze sovraniste, chiarisce che “decideremo anche in base alle scelte degli altri partiti”.

LEGGI ANCHE: Governo, Zingaretti rilancia: “Incontro con M5s e Leu per dare forza all’alleanza”

LEGGI ANCHE: Draghi, Orlando: “Pd deciderà anche in base alle scelte degli altri partiti”

Sono invece già schierati per il sì i ‘cespugli’ di centro e centrodestra, da Matteo Renzi a Carlo Calenda, dall’Udc a Cambiamo! di Giovanni Toti, passando per per +Europa di Emma Bonino. Verso il no Liberi e Uguali che vuole aspettare di “sentire le parole di Draghi”, ma ammette che votare la fiducia all’ex presidente della Bce “è molto difficile“.

LEGGI ANCHE: Toti: “Esecutivo Draghi mi piacerebbe moltissimo. Opzione voto poco percorribile”

LEGGI ANCHE: Governo, Tabacci: “Il discorso di Draghi? Lui è superman, mi sono emozionato”

Spaccato il centrodestra: Forza Italia sembra pronta a rispondere positivamente all’appello di Mattarella mentre la chiusura da parte di Giorgia Meloni sembra totale. Prova a tenere unita la coalizione Matteo Salvini, che propone un sì all’esecutivo Draghi con una condizione: esecutivo a tempo ed elezioni a giugno.

LEGGI ANCHE: Governo Draghi, Salvini: “Rispetto Mattarella, ma su no voto cascate le braccia”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»