Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Governo Draghi, Salvini: “Rispetto Mattarella, ma su no voto cascate le braccia”

matteo salvini
"A primavera si vota in mille comuni, facciamo votare 60 milioni di italiani"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Provo sempre rispetto per il presidente della Repubblica, ma quando ieri sera ho sentito che se vai a votare ti ammali mi sono cascate la braccia…”. Il segretario della Lega, Matteo Salvini lo dice a Omnibus su La7. Visto che in primavera è attesa una importante tornata di elezioni amministrative,non è che se voti il sindaco di Roma e Milano sei tranquillo” e se invece voti alle politiche “ti infetti”, argomenta Salvini. “In primavera ci saranno mille comuni al voto”, ribadisce il segretario della Lega, “già che votano 20 milioni di italiani diamo la parola a 60 milioni di italiani, poi per 5 anni il governo è quello e non ci sono rimpastini e rimpastoni, ma intanto facciamo qualcosa di utile”, dice Salvini.

LEGGI ANCHE: Numeri e totonomi del Governo Draghi, il dubbio: quanta politica?

Governo Draghi? Fraccaro: “Grazie a Mattarella, ma M5s sostiene solo Conte”

Draghi atteso al Quirinale, Mattarella: “Conferirò incarico per Governo di alto profilo”

SALVINI: “NO PREGIUDIZI SU NESSUNO, MA DEMOCRAZIA NON SI SOSPENDE”

“Non abbiamo pregiudizi nei confronti di nessuno, Draghi, Cottarelli, Cartabia…” ma “noi vogliamo ragionare sui fatti” e “con la prospettiva del voto, voterà mezza Europa, voteranno in Calabria e voteranno i cittadini di Roma, Napoli, Torino”. Insomma, “la democrazia non può essere sospesa all’infinito, ma usiamo bene questi mesi”, aggiunge il leader della Lega. “Guardiamo ai temi, non parliamo di nomi e ministeri, parliamo di tasse, scuola, salute, pensioni, lavoro” dice Salvini.

SALVINI: “OGGI VERTICE DEL CENTRODESTRA, NOI COMPATTI”

“Stamattina ci troveremo con il centrodestra”, tenendo conto che “se la stagione dei Conte, dei Casalino e di Azzolina è archiviata è stato anche grazie alla compattezza del centrodestra, che non si è sfaldato e non si è fatto attrarre dalle sirene”. “Il centrodestra si è mosso compatto- ribadisce Salvini- in Parlamento è stato determinante quando ancora c’era il governo Conte, quando c’erano da approvare provvedimenti utili al Paese”. Insomma, “ci siamo mossi compatti, continueremo a muoverci compatti”, conclude il segretario della Lega.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»