L’Organizzazione della cooperazione islamica boccia il piano di pace per il Medio Oriente di Trump

L'organizzazione invita tutti gli Stati membri a non "accettare" il piano del presidente degli Stati Uniti e a non "collaborare in alcun modo con l'amministrazione americana al fine della sua implementazione".
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) ha espresso oggi il proprio rifiuto per il piano di pace per il Medio Oriente del presidente Donald Trump, annunciato la scorsa settimana. L’Organizzazione, che si è riunita nella città saudita di Jedda, ha reso noto che invita tutti gli Stati membri a non “accettare” il piano del presidente degli Stati Uniti e di non “collaborare in alcun modo con l’amministrazione americana al fine della sua implementazione”. L’Oic, che ha una delegazione permanente presso le Nazioni Unite, è stata fondata nel 1969 in Marocco e rappresenta 57 Paesi del mondo, tra i quali Arabia Saudita, Turchia e Iran. Il piano di Trump, definito dal presidente americano “accordo del secolo”, consiste nel sostenere Israele nell’annessione unilaterale delle Alture del Golan e di diverse porzioni di Cisgiordania. Trump ha anche assicurato la possibilità ai palestinesi di costituire un proprio Stato, che tuttavia, date le nuove annessioni, risultererebbe di dimensioni ridotte rispetto al progetto ipotizzato dagli Accordi di pace di Oslo degli anni Novanta.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

3 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»