VIDEO | Musica, laboratori e compiti, a Bologna una casa per gli adolescenti

A Bologna nasce nel quartiere Santa Viola uno spazio tutto dedicato agli adolescenti, dove si potranno farei compiti e troveranno posto laboratori artistici, scientifici, musicali e tecnici
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Mi risulta che ci siano due case per adolescenti in Europa. Una a Parigi e adesso una qui a Bologna. Questo la dice lunga sulla nostra capacità di innovazione”, rivendica il sindaco di Bologna, Virginio Merola, tagliando il nastro dello Spazio di opportunità, 500 metri quadrati nel cuore di Santa Viola, in via Martinelli, a due passi dall’Ospedale Maggiore, dall’Opificio Golinelli e non lontano dal Mast, dove ragazzi dagli 11 ai 17 anni potranno trascorrere i pomeriggi con un supporto allo studio e laboratori artistici, scientifici, musicali e tecnici.

Un’esperienza nuova, a ingresso libero e gratuito, che nasce grazie al contributo della Fondazione Golinelli e la Fondazione per i bambini che hanno finanziato un progetto dalla durata quadriennale, con 500.000 euro e il Comune di Bologna che mette a disposizione gli spazi in comodato d’uso gratuito (dopo aver provveduto con 120.000 alla loro ristrutturazione). Il quartiere stamani ha avuto un assaggio di quello che accadrà d’ora in poi nello spazio gestito dal Consorzio Scu.Ter: la ciclofficina, il laboratorio di rap, percorsi espressivi musicali, il laboratorio di riuso, giochi da tavolo, la produzione di audiovisivi, una web radio.

“E’ un work in progress. Resta da sviluppare l’arredo con la creatività dei ragazzi” e si baserà “sulla funzionalità che i laboratori avranno. Non si è dato un contenitore predefinito, ma si è detto: lo costruiamo insieme a chi lo dovrà utilizzare”, spiega il presidente del quartiere Borgo-Reno, Vincenzo Naldi. All’interno della ‘casa’ di via Martinelli lavoreranno una decina di educatori.

“Copre una fascia di età molto larga. Possiamo fare connessione con centri sportivi e scuole. Possiamo fare campi estivi tematici, le possibilità sono tante”, aggiunge Naldi.”Servono spazi per adolescenti e per i giovani, all’interno dei quali possano mettersi alla prova, indipendentemente dalla loro condizione di reddito, nei diversi campi che sceglieranno”, aggiunge Merola.

 

L’obiettivo delle attività, che si svolgeranno tutti i pomeriggi dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 18.30, è il rafforzamento delle competenze e della motivazione allo studio, con un focus dedicato alle scienze e alle tecnologie, anche in chiave di orientamento al lavoro. Il progetto è nato da una prima condivisione di obiettivi tra il quartiere Borgo Panigale-Reno e la Fondazione Golinelli, attraverso un protocollo d’intesa mirato a favorire progetti educativi da svolgere sul territorio.

Con l’apertura di questo Spazio di opportunità si fa un passo in più creando un luogo dedicato agli adolescenti ma che riserva altrettanta attenzione anche agli adulti che si occupano di ragazzi. Le attività e le proposte progressivamente saranno integrate per raggiungere, nei prossimi quattro anni, una programmazione strutturata che offrirà al territorio opportunità formative, culturali, sociali e di svago. Le ragazze e i ragazzi potranno svolgere i compiti scolastici in compagnia, consultare la biblioteca multimediale, trascorrere il tempo in spazi dedicati alla musica e alla scienza, laboratori di storytelling e percorsi di orientamento formativo e professionale. Agli adulti saranno dedicati momenti di formazione ed incontri su temi legati all’adolescenza, e sono anche allo studio altre forme di sostegno educativo e di approfondimento. Si tratta quindi di un progetto dinamico, destinato a evolversi nel tempo, sia per l’ampliamento delle offerte che potranno venire da soggetti interessati a partecipare al progetto, sia per la capacità di rilevare bisogni e necessità che dovessero emergere strada facendo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

3 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»