Coronavirus, l’appello della Cina: “Ci servono mascherine”. Borse a picco

In Cina le mascherine sono andate a ruba e si è creata una carenza per il personale sanitario
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La Cina ha bisogno “con urgenza” di mascherine, tute e occhiali protettivi: lo ha reso noto oggi a Pechino il ministero degli Esteri, durante una conferenza stampa di aggiornamento sull’epidemia di coronavirus. Secondo il governo, sempre attento a sottolineare la propria capacità di contrastare con i propri mezzi l’emergenza, a pieno regime nella Repubblica popolare è possibile produrre circa 20 milioni di maschere al giorno. Ma i timori per la diffusione del virus hanno spinto in tanti, in questi giorni, a fare incetta di mascherine e questo ha aggravato la carenza per il personale sanitario. La notizia è riportata da fonti di stampa concordanti e se si considera che la Cina conta circa un miliardo e 400 milioni di abitanti, non è difficile credere che le mascherine siano effettivamente carenti.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, atterrato in Italia l’aereo con gli italiani bloccati a Wuhan

Secondo il ministero degli Esteri, a inviare aiuti e forniture mediche in Cina sono già stati Corea del Sud, Giappone, Kazakistan e Ungheria. Sarebbero state inoltre avviate procedure per l’importazione di mascherine da altri Paesi europei e dagli Stati Uniti. Le preoccupazioni per l’epidemia, però, non riguardano solo la dimensione sanitaria. Oggi la riapertura delle borse cinesi è stata segnata da forti ribassi. Shanghai cedeva stamane l’8,7 per cento, Shenzhen il 9.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»