Migranti, Salvini: “Se mi devono processare mi processino, io vado avanti”

ROMA - "Se mi devono processare mi processino, andiamo avanti a testa alta, senza problema". Matteo Salvini, vicepresidente del Consiglio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se mi devono processare mi processino, andiamo avanti a testa alta, senza problema”. Matteo Salvini, vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno, lo dice da Atri (Teramo), ultima tappa del suo tour abruzzese, in diretta Facebook dalla sua pagina personale.

“Grazie a questo governo pericoloso, a questo ministro pericoloso, l’immigrazione illegale è diminuita”, dice Salvini, per il quale “si sono arrabbiati quelli che guadagnavano milioni” dalla gestione del fenomeno.

TAV. SALVINI: A DI BATTISTA MANDO BACIO, MA PERUGINA O SI EQUIVOCA…

“Provano a farmi litigare con Tizio e Caio, ma io non litigo con nessuno, tantomeno con Di Battista. Mi ha detto ‘non rompere i coglioni’, ma io gli mando un bacio e pane e nutella, un bacio Perugina però, o potrebbe essere frainteso, un bel ragazzo ma…”. Matteo Salvini, vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno, lo dice da Atri (Teramo), ultima tappa del suo tour abruzzese, in diretta Facebook dalla sua pagina personale.

TAV. SALVINI: LEGGERE DIFFERENZE CON M5S, VOGLIO FINIRLA, CI SERVE

“Ci sono leggere differenze tra noi e M5S”, ad esempio “se io ho cominciato a scavare il cantiere spendo soldi per finirlo, non per riempire una buca”. Matteo Salvini, vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno, lo dice da Atri (Teramo), ultima tappa del suo tour abruzzese, in diretta Facebook dalla sua pagina personale. Il riferimento è alla questione Tav.

“Se ho scavato una galleria di 7 chilometri sotto una montagna io preferisco finirla”, dice Salvini, “dobbiamo spostarci di più, servono più ferrovie, strade, serve sviluppo”, servono “treni che viaggino meglio, che tolgono i Tir dalle strade e fanno bene all’aria”.

Io, conclude, “sono per un’Italia che va avanti, per un Abruzzo che va avanti, non che guardi indietro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»