Sanità, Governo: “Unificazione casa riposo è priorità”

SAN MARINO - "È certamente una priorità della Segreteria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SAN MARINO – “È certamente una priorità della Segreteria di Stato e dell’Iss rendere l’unificazione e il trasloco i più celeri e ottimali possibili“. Con queste parole, la segreteria di Stato per la Sanità rassicura la Federazione Pensionati della Cdls che, nei giorni scorsi, è intervenuta per chiedere tempi rapidi e denunciando liste di attesa insostenibili. “Il governo appena insediato si è subito attivato per coinvolgere i soggetti interessati- chiarisce la segreteria presieduta da Franco Santi in una nota- sia di natura pubblica che privata, che proprio in ragione di questo necessitano di interventi coordinati”. Il trasloco e l’unificazione devono tuttavia “avvenire rispettando e completando tutti i passaggi necessari nel rispetto delle normative- sottolinea la nota- e soprattutto dei diritti e delle necessità di ospiti, assistiti, delle loro famiglie e del personale”.

Rispetto le sollecitazioni delle parti sociali, la segreteria di Stato richiama quindi alla necessità “da parte di tutti, di un’azione coordinata, affinché si possano effettivamente ottenere i risultati migliori e sperati”. Sul secondo problema sollevato dalle forze sociali, quello delle decurtazioni alle pensioni, la Segreteria di Stato alla Sanità fa sapere di accogliere con favore la richiesta di incontro. Ricorda infine che “a seguito dell’attività di controllo su circa 4 mila beneficiari di prestazioni previdenziali, dal 2013 ad oggi, sono circa un centinaio i soggetti che hanno ricevuto comunicazioni dall’Iss in merito alla rettifica dell’importo della prestazione erogata, in quanto- conclude il testo- hanno percepito integrazioni non dovute poiché beneficiari di redditi esteri non precedentemente dichiarati”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»