Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ferrovie. Santoro: “Accordo FVG-RFI atto di grande programmazione”

TRIESTE - L'Accordo quadro sottoscritto oggi a Roma dalla presidente del Friuli Venezia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

santoroTRIESTE – L’Accordo quadro sottoscritto oggi a Roma dalla presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani e dall’amministratore delegato di Rfi (Rete ferroviaria italiana) Maurizio Gentile “è un atto di grande trasparenza e di grande programmazione“. Così l’assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio Mariagrazia Santoro ha commentato la firma del documento, al quale, ha osservato l’assessore, “seguiranno protocolli che renderanno operative le linee guida e le capacità che in questo atto sono state evidenziate“.

Secondo Santoro, l’Accordo quadro con Rfi “è un atto fondamentale di chiarezza rispetto alla capacità delle varie linee ferroviarie della nostra Regione, alla loro possibilità di incremento e utilizzo, ma anche rispetto alla possibilità che le stazioni attualmente chiuse o che possono essere state dismesse possano esser riutilizzate sia per eventi speciali che per una prossima programmazione”.

“Non viene nemmeno trascurato il fatto – ha concluso Santoro – che la Regione abbia investito moltissimo in materiale rotabile e come questo possa condizionare a sua volta la possibilità di utilizzo della rete ferroviaria”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»