Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Meningite, la Toscana ci mette 500.000 euro per vaccinare tutti

FIRENZE - La Regione Toscana mette mano alle proprie finanze
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

vaccinoFIRENZE – La Regione Toscana mette mano alle proprie finanze per portare la profilassi vaccinale a tutti i cittadini di età compresa fra i 20 e i 45 anni nella campagna straordinaria di contrasto della diffusione del meningococo C. Così, nella delibera partorita ieri su iniziativa dell’assessore regionale al Diritto alla Salute, Stefania Saccardi, il governo regionale ha prenotato la somma complessiva di 500 mila euro dal capitolo di spesa dedicato al fondo sanitario indistinto del bilancio gestionale 2016 per proseguire lo sforzo di palazzo Strozzi Sacrati fino al 30 giugno. Un impegno che, ad ogni modo, viene precisato nel testo dell’atto adottato, dovrà essere conforme ai vincoli del pareggio di bilancio, ai quali è assoggettata la Regione per norma nazionale.

Saccardi ha deciso di garantire la gratuità del vaccino tetravalente A,C,W,Y per la cittadinanza anche in quelle aree, Livorno e Siena che non avevano registrato precedentemente casi di pazienti colpiti dalla temibile variante meningococcica, St11. Andando, peraltro, a intercettare un’istanza al Governo Renzi mossa dal deputato dem, Federico Gelli, l’assessore si è inoltre unita alle sollecitazioni, affinché il ministro Lorenzin possa intervenire con un supporto economico alla campagna di vaccinazioni della Toscana. “Ci stiamo già attivando per chiedere al ministero della Salute se su questa partita ci può dare un aiuto anche finanziariamente– aveva detto ieri Saccardi, presentando le nuove misure alla stampa-, perché ce lo sta già dando sotto quell’altro profilo. Noi tutti giorni abbiamo una collaborazione quotidiana e costante con Istituto superiore di sanità”.

di Carlandrea Poli, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»